Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 October;170(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 October;170(5):285-92

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 October;170(5):285-92

lingua: Inglese

Storia di una ricerca: una teoria sugli steroli

Rivara G.

San Giovanni Battista Hospital, Turin, Italy


PDF  


Obiettivo. Questo lavoro riassume una ricerca che tratta lo studio del metabolismo cellulare e i suoi disordini, in particolare la crescita degli embrioni e il processo della differenziazione cellulare (il meccanismo inverso della formazione dei tumori). Partendo dall’ipotesi che gli steroli potrebbero essere capaci di regolare la crescita embrionale e che quindi potrebbero essere il punto di svolta nella terapia del cancro, la ricerca ha avuto inizio cercando di comprendere il comportamento attivo dei fitosteroli.
Metodi. Dopo aver scelto alcuni tipi di steroli vegetali e aver proseguito con la loro esterificazione, gli studi si sono concentrati sul comportamento di alcuni tipi di colture di cellule tumorali trattate con vari tipi di steroli estere. Sono stati anche fatti esperimenti su piccoli animali e la ricerca in vitro è stata estesa allo studio di alcune forme di cancro legate alle infezioni virali come l’HIV.
Risultati. Dopo riscontro della penetrazione delle sostanze nel citoplasma e nel nucleo delle cellule tumorali, i test sulle cavie a cui è stato inoculato nel tessuto sottocutaneo il tipo TSA di cancro al seno, hanno ottenuto il 37% di guarigione totale nei topi trattati. Anche gli esami istologici su cellule umane di cancro ai polmoni che sono stati trapiantati per via sottocutanea nelle cavie, ha evidenziato una diffusa apoptosi delle cellule tumorali. Gli studi sulle infezioni virali hanno rivelato che le preparazioni steroidee inibiscono l’azione del virus solo nelle infezioni virali che possono causare la formazione di un cancro.
Conclusioni. Dopo alcuni anni la ricerca è stata interrotta ed è stata possibile la pubblicazione parziale. Sarebbe quindi opportuno incoraggiare la ricerca in materia di differenziazione delle cellule embrionali che coinvolgono le catene di steroidi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail