Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 Agosto;170(4) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 Agosto;170(4):263-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 Agosto;170(4):263-6

lingua: Inglese

Leiomiosarcoma della vena renale sinistra

Grasso R. F. 1, Giurazza F. 1, Carcione F. 1, D’Agostino F. 1, Del Vescovo R. 1, Faiella E. 1, Papalia R. 2, Simone G. 2, Gallucci M. 2, Zobel B. B. 1

1 Radiology Department, Campus Bio-Medico University of Rome, Italy;
2 Urology Department, Regina Elena Hospital Rome, Italy


PDF  


I leiomiosarcomi sono tumori di eccezionale riscontro ma con comportamento estremamente maligno; il 60% è localizzato nel distretto della vena cava inferiore.
Riportiamo il caso clinico di un uomo di 33 anni con leiomiosarcoma della vena renale sinistra che si è presentato alla nostra attenzione con ematuria e dolore lombare; una CT mostrava una massa solida nella pelvi renale sinistra con un diametro di 49x47 mm, con aree centrali necrotiche e sviluppo esofitico diretto verso la pelvi; non era presente alcun segno di dilatazione del sistema escretorio urinario.
Abbiamo eseguito una nefrectomia totale renale destra rimuovendo il tumore, il grasso perirenale, la ghiandola surrenalica omolaterale e i linfonodi paraortici e ilari renali.
Il tumore appariva di aspetto solido, bianco, di consistenza duro-elastica e diametro massimo di 5 cm, in prossimità dell’ilo.
La diagnosi definitiva di leiomiosarcoma con origine vascolare parietale è stata raggiunta grazie all’analisi anatomopatologica; né il rene né altre strutture apparivano infiltrate dalla massa; tutti i linfonodi erano negativi.
Attualmente il paziente è in buone condizioni cliniche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail