Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 August;170(4) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 August;170(4):251-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 August;170(4):251-7

lingua: Inglese

Concentrazione urinaria di idrossiprolina, attività elettromiografica ed elettrogoniometria in giovani sedentari sottoposti a stretching e mobilizzazione neurale

Mafra O. R., Neves C. E., Silva E. B., Cader S. A., Lopes R. S. D., Bertoni J. G. B., Dantas E. H. M.

Laboratory of Motor Science (LABI HM), Federal University of Rio de Janeiro, Rio de Janeiro, Brazil


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio era di confrontare i livelli di idrossiprolina (IP), il segnale elettrico e l’ampiezza dei movimenti in giovani sedentari sottoposti a programmi di stretching e mobilizzazione neurale.
Metodi. Il campione era costituito da studenti sedentari suddivisi in tre gruppi: gruppo di mobilizzazione neurale (NMG; n=15; età=22; 3 anni; BMI=24,75;3,09), gruppo di stretching statico (SSG; n=15; età=23; 4 anni; BMI=25; 4,33) e gruppo controllo (CG; n=15; età: 24; 4 anni; BMI: 23,91; 3,09). Nordim (HP), elettromiografia - EMG(attività elettrica dei bicipiti femorali) ed elettrogoniometria (angolo di vita) sono stati utilizzati per questa valutazione. Lo stretching statico è stato effettuato con distensione passiva di sei secondi, mentre la mobilizzazione neurale è stata effettuata in modo diretto, oscillatorio e sotto sforzo per 60 secondi. La significatività statistica è stata posta per P≤0,05. Risultati soddisfacenti sono stati ottenuti per quanto riguarda la HP: per l’analisi intra-gruppo, sulla NMG (@= 7,38 mg/24h; P=0,0001) e sul SSG (@= 3,47 mg/24h; P=0,002) e per l’analisi inter-gruppo post-test, sulla NMG vs. SSG (@= 4,37 mg/24h; P=0,006) e sulla NMG vs. CG (@=7,2 mg/24h; P=0,0001). Per quanto riguarda l’elettrogoniometria, risultati migliori sono stati ottenuti per l’analisi intra-gruppo sulla NMG (@=17,35; P=0,0001) e sul SSG (@=9,81; P=0,005) e per l’analisi inter-gruppo post-test, sulla NMG vs. SSG (@=8,96; P=0,027) e sulla NMG vs. CG (@=16,09; P=0,0001).
Risultati. È stata osservata una significativa diminuzione per quanto riguarda l’elettromiografia per l’analisi intra-gruppo, sulla NMG (@=-10,99; P=0,001) e sul SSG (@=-7,35; P=0,033) e per l’analisi inter-gruppo, sulla NMG vs. CG (@=-9,89; P=0,033).
Conclusioni. Entrambi gli allenamenti hanno ottenuto risultati soddisfacenti, aumentando il livello di HP e l’ampiezza del movimento e riducendo l’attività elettrica muscolare. Tuttavia, la mobilizzazione neurale è risultata efficace rispetto altre modalit

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail