Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 August;170(4) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 August;170(4):229-37

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 August;170(4):229-37

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

L’attenuazione con ultrasuoni a banda larga del calcagno è correlata all’attività fisica negli uomini e nelle donne giovani di razza caucasica

Weeks B. K., Beck B. R.

Griffith Health Institute, Griffith University, Southport, QLD, Australia


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo studio è stato esaminare le differenze nell’attenuazione calcaneare con ultrasuoni a banda larga (broadband ultrasound attenuation, BUA) in uomini e donne giovani e in buona salute osservando in particolare il picco di massa ossea ed esaminando l’influenza della dominanza di lato e di fattori selezionati riguardanti lo stile di vita come l’attività fisica.
Metodi. Sono stati arruolati un totale di 158 uomini e donne di età compresa tra i 19 e i 25 anni. É stato misurato il valore di BUA calcaneare destro e sinistro attraverso un densitometro a ultrasuoni QUS-2 (Quidel Corp, CA). Sono state registrate l’attività fisica ossea, l’assunzione di calcio con la dieta, l’attitudine al fumo, l’assunzione di alcol, eventuali medicazioni, la storia mestruale e la dominanza di un arto inferiore.
Risultati. La precisione a breve termine delle misurazioni della BUA è stata pari a 1,6-2,5%. Per gli uomini la BUA si è mostrata significativamente superiore rispetto alle donne (101,5±1,9 vs. 90,4±1,5 dB/MHz, P=0,001). Sebbene non siano stati rilevati effetti importanti da parte dell’età, il valore di BUA è apparso aumentare negli uomini lungo l’intervallo di età così che una differenza tra i due sessi non significativa a 19 anni è divenuta tale all’età di 25 (P=0,002). Non sono stati riscontrati effetti di dominanza sulla BUA per entrambi i sessi. L’attività fisica specifica ossea e il peso registrato per le variazioni del valore di BUA nelle donne (P<0,05).
Conclusioni. I giovani uomini hanno un valore di BUA considerevolmente maggiore rispetto le donne di pari età. Il valore di BUA presenta il picco maggiore nelle donne a 19 anni ma continua ad aumentare negli uomini fino a 25 anni. La BUA calcaneare è positivamente correlata al peso corporeo e all’attività fisica specifica ossea negli uomini e nelle donne giovani.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail