Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 June;170(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 June;170(3):207-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 June;170(3):207-9

lingua: Italiano

Grave tetania correlata a ipocalcemia e iperfosfatemia severa indotta da clistere evacuativo

Marsciani A. 1, Mordenti M. 2, Brocchi S. 1, Desiderio E. 1, Filippini B. 1, Vecchi V. 1

1 Unità Operativa di Pediatria, Dipartimento Materno Infantile, Ospedale Infermi, Rimini, Italia
2 Unità Operativa di Chirurgia Pediatrica, Dipartimento Materno Infantile, Ospedale Infermi, Rimini, Italia


PDF  


L’utilizzo dei clisteri contenenti fosfati è frequente nei bambini affetti da stipsi e in letteratura sono stati documentati casi di tossicità secondaria al loro uso in pazienti con anomalie intestinali, atrofia muscolare spinale o displasia renale. Presentiamo il caso di una severa diselettrolitemia e compromissione delle condizioni cliniche secondari all’utilizzo di clisteri contenenti fosfato in un bambino senza patologie preesistenti. Un bambino di 5 anni di nazionalità cinese è giunto presso il Servizio di Urgenze Pediatriche per dolori addominali e stipsi ostinata da circa 10 giorni. Dopo la somministrazione di 2 clisteri contenenti fosfato, le condizioni cliniche sono improvvisamente peggiorate con obnubilamento del sensorio, respiro superficiale e ipertono muscolare periferico. Gli esami hanno documentato la presenza di ipocalcemia severa (calcemia 1,8 mmol/l) e di iperfosforemia di grado elevato (fosfati 102,7 mmol/l). Le condizioni cliniche sono rapidamente migliorate dopo la somministrazione di calcio endovena con successiva, completa normalizzazione clinica. I clisteri contenenti fosfato possono favorire la comparsa di eventi potenzialmente fatali e per tale motivo devono essere sempre usati con cautela, sotto stretto monitoraggio clinico, anche in soggetti senza fattori clinici predisponenti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail