Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 Giugno;170(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 Giugno;170(3):201-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 Giugno;170(3):201-6

lingua: Italiano

Management di fibroma uterino in gravidanza: caso clinico

Vitale S. G., Giuca R., Cianci S., Matarazzo M. G., Gulino F. A., Giuffrida L., Cavallaro A., Panella M.

Operative Unity of Ginecology and Obstetrics, Azienda Ospedaliera Universitaria , “Policlinico Vittorio Emanuele”, University of Catania, Catania, Italy


PDF  


Il fibroma è il tumore benigno dell’utero più frequente. Origina dal tessuto muscolare uterino, ha consistenza piuttosto dura ed è separato dal miometrio da uno spesso strato di tessuto connettivo, senza la presenza di una vera capsula. Può essere unico, multiplo e di diversa grandezza. I fibromi sono spesso asintomatici, ma possono provocare menorragia, menometrorragia, importanti compressioni, dolore (per la crescita, la degenerazione, l’emorragia o la torsione di un fibroma peduncolato), disturbi urinari o intestinali (per es., pollachiuria o tenesmo vescicale, stipsi), aborti ricorrenti o infertilità; sono spesso accompagnati da anemia conseguente alla perdita ematica ricorrente. Il caso clinico riportato tratta la storia di una paziente trentenne con mioma uterino, gravida, che alla 24° settimana viene ricoverata nel nostro reparto per algie pelviche. Viene riscontrata una concordanza tra proseguimento della gravidanza e sintomatologia dolorosa. Praticata la terapia medica e l’ecografia di controllo, la paziente viene dimessa con la raccomandazione di eseguire i controlli del caso. Alla 37° settimana la paziente ritorna presso lo stesso nosocomio con peggioramento della sintomatologia, anemizzazione ed evidenza, all’ecografia, di aree di colliquazione nel mioma. Effettuato il taglio cesareo e la miomectomia, l’esame istologico del pezzo operatorio depone per mioma rosso con sovrapposti fenomeni di necrosi emorragica diffusa.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail