Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 February;170(1) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 February;170(1):27-32

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 February;170(1):27-32

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Affidabilità del test al treadmill graduato in pazienti affetti da claudicatio intermittens

Hodges L. D. 1, Sandercock G. 2, Brodie D. 3

1 Institute of Food, Nutrition and Human Health, Massey University, Private bag 11-222, Palmerston North, New Zealand
2 Department of Biological Sciences, University of Essex, Wivenhoe Park, Colchester, UK
3 Research Centre for Society and Health, Buckinghamshire’s New University, Gorelands Lane, Chalfont St Giles, UK


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio era di valutare l’affidabilità del tempo di cammino massimale (maximal walking time, MWT), il picco di consumo di ossigeno, la frequenza cardiaca massimale (FCM), il rapporto di scambio respiratorio (respiratory exchange ratio, RER), il tasso di sforzo percepito e la scala di dolore in pazienti affetti da claudicatio intermittens.
Metodi. Undici pazienti sono stati sottoposti a due test al treadmill graduato progressivo. Il test iniziava a una velocità di 2 mph e una pendenza di 0% per due minuti. Durante le successive fasi, la pendenza veniva aumentata del 2% ogni due minuti, mantenendo la velocità costante. Durante ciascun test, i pazienti dovevano camminare più a lungo possibile finché resistevano al dolore (massimo tempo di cammino). Il picco di consumo di ossigeno era valutato sulla base del singolo respiro con l’analisi del gas espirato (CardiO2, Medical Graphics Corp., St Paul , MN , USA) .
Risultati. I test sono stati ripetuti entro 5±3 giorni. I paired t test hanno dimostrato che le misurazioni del picco di consumo di ossigeno, del tempo massimale di cammino, della frequenza cardiaca massimale, di RER, di RPE e del dolore erano riproducibili tra i test. I valori del coefficiente di variazione e del coefficiente di correlazione intra-classe hanno confermato la attendibilità. L’analisi di Bland-Altman ha rivelato che il picco di consumo di ossigeno variava entro 3 ml kg min-1; tuttavia, la distanza massima percorsa variava fino a 158 secondi.
Conclusioni. Il test graduato è affidabile. Esso permette di differenziare la capacità di camminare dei pazienti e permette di analizzare il miglioramento dopo l’intervento. Le misurazioni metaboliche effettuate durante il test mostrano una particolare ripetibilità, permettendo al medico di interpretare con sicurezza i valori ottenuti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail