Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 December;169(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 December;169(6):297-302

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 December;169(6):297-302

lingua: Inglese

Prevalenza e correlati dei sintomi depressivi tra i pazienti affetti da diabete di tipo II: studio su un campione di popolazione iraniana

Behnam B. 1, Sadat Hashemi S. M. 2, Nesari Rad Motlagh M. 3, Sheikhvatan M. 4

1 Psychiatry, Semnan University of Medical Sciences, Semnan, Iran;
2 Biostatistics, Semnan University of Medical Sciences, Semnan, Iran;
3 Semnan University of Medical Sciences, Semnan, Iran;
4 Tehran Heart Center, Tehran University of Medical Sciences, Tehran, Iran


PDF  


Obiettivo. Nonostante i noti effetti negativi dei disordini depressivi sui risultati in termini di salute diabete-correlati, la relazione tra depressione e scarso controllo glicemico è tuttora dibattuta.
Metodi. Centonovantotto pazienti adulti consecutivi di età >30 anni con diagnosi di diabete mellito di tipo 2 in cura presso la clinica per il diabete all’ospedale Fatemieh in Semnan, Iran, sono stati inclusi nello studio. I livelli di HbA1c sono stati determinati utilizzando la cromatografia liquida a scambio ionico ad elevata prestazione certificata dal National Glycohemoglobin Standardization Program. La gravità dei sintomi depressivi è stata valutata utilizzando i 21 item del Beck Depression Inventory (BDI) validato per la popolazione iraniana.
Risultati. Il tasso globale di depressione nei nostri pazienti diabetici era 71,7% e il 17,7% di questi soffriva di sintomi depressivi gravi-molto gravi. Vi era una forte correlazione tra gravità della depressione e livello di HbA1c (P<0,001), infatti il 84% di coloro che non soffriva di depressione aveva un livello di HbA1c <7%, mentre tutti i 12 pazienti con gravissimi sintomi depressivi avevano livelli di HbA1c >7%. La relazione tra la gravità della depressione maggiore e il livello di controllo glicemico era indipendente dal sesso ed età dei pazienti.
Conclusioni. Il livello di controllo glicemico riveste un ruolo centrale per predire la gravità dei sintomi depressivi. Pertanto, il controllo farmacologico dei sintomi depressivi nei pazienti diabetici e la loro partecipazione a consulti psicologici e a sessioni terapeutiche per la prevenzione degli effetti avversi della depressione sono raccomandati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail