Ricerca avanzata

Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 Dicembre;169(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 Dicembre;169(6):275-80

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia

Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Mensile

ISSN 0393-3660

Online ISSN 1827-1812

 

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 Dicembre;169(6):275-80

 ARTICOLI ORIGINALI

L’effetto del grido sulla forza di estensione massimale volontaria del ginocchio nelle contrazioni concentriche, isometriche ed eccentriche

Kato M. 1, Wakita H. 2, Yagi N. 2, Ikegami Y. 3, Yabe K. 4

1 Department of Health and Nutrition, Yonezawa Women’s Junior College of Yamagata Prefecture, Yamagata, Japan;
2 Department of Health and Physical Education Physical Education, Faculty of Education, Mie University, Mie, Japan;
3 Research Center of Health, Physical Fitness and Sports, Nagoya University, Furocho, Aichi, Japan;
4 Osaka University of Health and Sport Science, Osaka, Japan

Obiettivo. La contrazione volontaria massimale (CVM) viene modificata da fattori psicologici. Il grido è uno di quei fattori che determinano un cambiamento psicologico. Per valutare gli effetti del grido sulla CVM, è stata finora utilizzata la contrazione isometrica. Tuttavia, è interessante esaminare l’effetto del grido su diverse tipologie di contrazione. In questo studio, gli Autori hanno studiato l’effetto del grido sulla forza volontaria massimale nelle contrazioni concentriche, isometriche ed eccentriche.
Metodi. Quindici soggetti sani di sesso maschile hanno testato la forza dell’estensione volontaria massimale del ginocchio nella contrazione concentrica (60deg/sec.), isometrica ed eccentrica (60deg/sec.). Ciascuna contrazione muscolare è stata effettuata in due condizioni (CS: condizione di grido e NCS: condizione di non grido). Le attività EMG del muscolo retto femorale (RF) e del muscolo abduttore obliquo esterno (OE) sono state misurate per mezzo di elettrodi bipolari di superficie.
Risultati. Nella CS, la CVM è aumentata significativamente in tutte le tipologie di contrazione muscolare e quest’effetto era maggiore nelle contrazioni muscolari dinamiche rispetto alle contrazioni muscolari statiche. Inoltre, il grido ha migliorato il tasso di incremento della forza muscolare nella contrazione isometrica. L’attività EMG di RF ed OE erano significativamente aumentate in CS rispetto a NCS.
Conclusioni. Questi risultati indicano che il grido è efficace per aumentare la CVM. Questo meccanismo sarebbe determinato dall’aumento dell’attività dei muscoli agonisti, come conseguenza dell’aumentata attività dei motoneuroni e dell’aumentato reclutamento dell’unità motoria di tipo veloce. Inoltre, l’aumentata stabilizzazione del tronco grazie all’aumentata attività del muscolo OE contribuirebbe a migliorare la CVM.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina