Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 Ottobre;169(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 Ottobre;169(5):181-91

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 Ottobre;169(5):181-91

lingua: Inglese

Caratteristiche della lateralità degli arti inferiori basate sulla relazione tra l’attività e la lateralità individuale

Demura S., Sato S., Sugiura H.

1 Graduate School of Natural Science and Technology, Kanazawa University, Kanazawa, Japan
2 Life-long Sports, Kanazawa Institute of Technology, Kanazawa, Japan
3 Graduate School of Natural Science and Technology, Kanazawa University,, Kanazawa, Japan


PDF  


Scopo. Questo studio ha avuto l’obbiettivo di determinare la relazione tra la preferenza nell’uso di una gamba e la dominanza nell’uso di un piede basata a sua volta sulla relazione tra l’attività e la lateralità individuale.
Metodi. sono stati studiati 2549 soggetti (1561 maschi and 988 femmine) tra i 14 e i 29 anni. È stato valutato l’utilizzo delle gambe per ognuna delle attività degli arti inferiori (gamba preferita) attraverso quattro attività stanziali e quattro attività di movimento. Il quoziente di lateralità (laterality quotient, LQ) e il coefficiente Lambda (λ) sono stati calcolati rispettivamente per gli indici di lateralità e di attività di ciascun individuo, mentre la dominanza nell’uso di un piede è stata determinato per il piede destro (LQ > 0), entrambi i piedi (LQ = 0) e per il piede sinistro (LQ < 0). L’analisi dei discriminanti, effettuata utilizzando come variabile indipendente l’uso della gamba preferita per ogni attività e come variabile dipendente la dominanza nell’uso di un piede, è stata condotta per esaminare per ogni attività il contributo della gamba preferita sulla determinazione della dominanza nell’uso di un piede e per determinare una combinazione di attività capace di distinguere tale dominanza con un’alta accuratezza.
Risultati. la percentuale di maschi con dominanza del piede sinistro si è rivelata essere due o tre volte maggiore rispetto le femmine. Il tasso di soggetti correttamente distinti con dominanza del piede sinistro si è rivelata più alta nelle attività di movimento rispetto quelle stanziali e questa tendenza si è rivelata associata al sesso ed all’allenamento. Saltellare su un piede, salire su una sedia, calciare una palla e premere su un oggetto potrebbero distinguere correttamente i soggetti con dominanza del piede destro da quelli con dominanza del piede sinistro con un’accuratezza più alta corrispondente rispettivamente al 97.1 ed al 67.3%, rispetto le altre attività.
Conclusioni. Questa combinazione di attività degli arti inferiori può determinare la dominanza nell’uso di un piede con un’alta accuratezza.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail