Ricerca avanzata

Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 Ottobre;169(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 Ottobre;169(5):181-91

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia

Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Mensile

ISSN 0393-3660

Online ISSN 1827-1812

 

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 Ottobre;169(5):181-91

 ARTICOLI ORIGINALI

Caratteristiche della lateralità degli arti inferiori basate sulla relazione tra l’attività e la lateralità individuale

Demura S., Sato S., Sugiura H.

1 Graduate School of Natural Science and Technology, Kanazawa University, Kanazawa, Japan
2 Life-long Sports, Kanazawa Institute of Technology, Kanazawa, Japan
3 Graduate School of Natural Science and Technology, Kanazawa University,, Kanazawa, Japan

Scopo. Questo studio ha avuto l’obbiettivo di determinare la relazione tra la preferenza nell’uso di una gamba e la dominanza nell’uso di un piede basata a sua volta sulla relazione tra l’attività e la lateralità individuale.
Metodi. sono stati studiati 2549 soggetti (1561 maschi and 988 femmine) tra i 14 e i 29 anni. È stato valutato l’utilizzo delle gambe per ognuna delle attività degli arti inferiori (gamba preferita) attraverso quattro attività stanziali e quattro attività di movimento. Il quoziente di lateralità (laterality quotient, LQ) e il coefficiente Lambda (λ) sono stati calcolati rispettivamente per gli indici di lateralità e di attività di ciascun individuo, mentre la dominanza nell’uso di un piede è stata determinato per il piede destro (LQ > 0), entrambi i piedi (LQ = 0) e per il piede sinistro (LQ < 0). L’analisi dei discriminanti, effettuata utilizzando come variabile indipendente l’uso della gamba preferita per ogni attività e come variabile dipendente la dominanza nell’uso di un piede, è stata condotta per esaminare per ogni attività il contributo della gamba preferita sulla determinazione della dominanza nell’uso di un piede e per determinare una combinazione di attività capace di distinguere tale dominanza con un’alta accuratezza.
Risultati. la percentuale di maschi con dominanza del piede sinistro si è rivelata essere due o tre volte maggiore rispetto le femmine. Il tasso di soggetti correttamente distinti con dominanza del piede sinistro si è rivelata più alta nelle attività di movimento rispetto quelle stanziali e questa tendenza si è rivelata associata al sesso ed all’allenamento. Saltellare su un piede, salire su una sedia, calciare una palla e premere su un oggetto potrebbero distinguere correttamente i soggetti con dominanza del piede destro da quelli con dominanza del piede sinistro con un’accuratezza più alta corrispondente rispettivamente al 97.1 ed al 67.3%, rispetto le altre attività.
Conclusioni. Questa combinazione di attività degli arti inferiori può determinare la dominanza nell’uso di un piede con un’alta accuratezza.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina