Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 Aprile;169(2) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 Aprile;169(2):41-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 Aprile;169(2):41-5

lingua: Inglese

Fumatori di hookah tra gli studenti: prevalenza, aspetti relativi all’uso, situazioni e motivazioni dell’uso. Evidenza da una Università Iraniana

Nakhostin-Roohi A., Valizadeh S.

Sport Physiology Islamic Azad University-Ardabil Branch, Ardabil, Iran


PDF  


I fumatori di hookah stanno diventando un problema per la salute pubblica, specialmente nella regione Mediterranea Orientale (Eastern Mediterranean region, EMR). Questo studio è stato eseguito nel Nord-Ovest dell’Iran ed ha riguardato la Islamic Azad university-Ardabil branch. Il 22,28% di 10433 studenti (n = 2324) ha partecipato a questo studio in modo random. Oltre un terzo degli studenti (35,6%) erano utilizzatori di hookah. La maggior parte degli studenti ha utilizzato melassa aromatizzata (60,0%), mentre il 25,5% ha utilizzato solo l’hookah tradizionale. La restante parte (5,5%) ha utilizzato entrambi i tipi di hookah. La maggior parte dei soggetti di sesso maschile (53,7%) fumava nei caffè, mentre quelli di sesso femminile (40,3%) utilizzavano principalmente l’hookah nella loro abitazione. La motivazione principale per l’uso dell’hookah è stata la ricreazione (55,8% per i soggetti di sesso femminile e 70,9% per i soggetti di sesso maschile). Tre consigli per combattere il problema sono stati il fornire una maggiore educazione circa i rischi connessi al consumo di tabacco, la promozione di luoghi per la ricreazione, l’utilizzo di tabacco meno pericoloso, contenente meno nicotina e con additivi più sani.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail