Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 April;169(2) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 April;169(2):27-32

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 April;169(2):27-32

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Profilo dei fattori di rischio cardiaco nei soggetti Iraniani di sesso maschile che devono sottoporsi ad angiografia coronarica

Mohagheghi A. 1, Khashayar P. 2, Tabatabaei A. 1

1 Assistant Professor of Cardiology, Shariati Hospital, Medical Sciences, Tehran University of Medical Sciences 2 General Practitioner, Sina Hospital, Medical Sciences, Tehran University of Medical Sciences


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio è stato quello di confrontare la gravità dell’arteropatia coronarica (coronary artery disease, CAD) con i diversi fattori di rischio presenti in gruppi di pazienti di sesso maschile di età diverse, in relazione ai loro reperti angiografici.
Metodi. In questo studio sono stati arruolati tutti i pazienti di sesso maschile che sono afferiti presso il nostro Istituto tra il marzo 2006 e il marzo 2007 per essere sottoposti ad angiografia coronarica; sulla base dell’età essi sono stati suddivisi in tre gruppi (<45, 45-60, >60 anni). Sono stati raccolti i dati relativi a fattori di rischio quali il diabete mellito, l’ipertensione arteriosa, la dislipidemia, il fumo di sigaretta, l’infarto miocardico pregresso e l’anamnesi familiare positiva per CAD. Tali dati sono stati quindi correlati ai gruppi di età dei pazienti e ai reperti angiografici.
Risultati. Nello studio sono stati arruolati 274 soggetti di sesso maschile; il 41% di essi era iperteso, il 26,4% era diabetico e il 43,1% era rappresentato da fumatori. È stata evidenziata una correlazione significativa tra il numero di fattori di rischio e la gravità della CAD.
Conclusioni. Se si considera l’elevata prevalenza dei fattori di rischio cardiovascolari nei pazienti con CAD, l’adozione di programmi di educazione individuali, mirati verso questi fattori, può far diminuire la prevalenza della CAD e delle sue complicanze.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail