Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2009 Agosto;168(4) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2009 Agosto;168(4):233-40

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2009 Agosto;168(4):233-40

lingua: Inglese

Influenza degli intervalli di output di forza e delle condizioni di istruzione sulla valutazione della resistenza muscolare ripetuta

Demura S. 1, Miyaguchi K. 2, Aoki H. 3

1 Kanazawa University, Ishikawa-Ken, Japan.
2 Ishikawa Prefectural University, Ishikawa-Ken, Japan
3 Graduate School, Kanazawa University Ishikawa-Ken, Japan


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio era di esaminare l’influenza degli intervalli di output e delle condizioni di istruzione sulla valutazione della resistenza muscolare ritmica ripetuta.
Metodi. Quindici giovani soggetti di sesso maschile in buone condizioni generali si sono sottoposti a grips ritmici ripetuti massimali per 6 minuti nelle due seguenti condizioni di istruzione con intervalli di due e tr secondi: 1) “Premi più forte che puoi (Esercizio 1)” e 2) “Premi più forte che puoi velocemente al suono di un bip (Esercizio 2)”.
Risultati. L’intervallo di due secondi ha mostrato un più marcato calo delle forze nell’esercizio rispetto all’intervallo di tre secondi nella prima metà del periodo di misurazione. Il tasso di declino nell’esercizio 2 era modesto nell’intervallo di tre secondi, e più della metà dei soggetti è stata in grado di continuare a fare gripping all’80% di MVC per più di 1 minuto. Nell’intervallo di due secondi, vi erano forti correlazioni tra le condizioni di istruzione per il tasso di declino e il valore della forza finale. È difficile valutare la tendenza al calo della forza appena dopo l’inizio delle misurazioni per l’intervallo di tre secondi. D’altro lato, l’influenza della condizione di istruzione sui parametri di valutazione era ridotta nell’intervallo di due secondi, rispetto all’intervallo di tre secondi.
Conclusioni. Quando si valuta la resistenza muscolare con ripetuto gripping ritmico, risulta efficace la seguente istruzione: “Premi più forte che puoi velocemente al suono di un bip ogni due secondi”. I terapisti devono capire che nei vari test di funzionalità fisica, non solo il grip test, le istruzioni appropriate sono essenziali per ottenere misurazioni accurate.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail