Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2009 Giugno;168(3) > Gazzetta Medica Italiana-Archivio per le Scienze Mediche 2009 Giugno;168(3):157-67

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana-Archivio per le Scienze Mediche 2009 Giugno;168(3):157-67

lingua: Inglese

La corsa multistadio della navetta: l’influenza del segnale verbale

Hafekost K. 1, Dawson B. 1, Wallman K. 1, Polglaze T. 2

1 School of Human Movement University of Western Australia, Perth, Australia
2 Western Australian Institute of Sport Perth, Australia


PDF  


Obiettivo. Gli scopi di questo studio sono stati quelli di determinare: 1) se la rimozione dei segnali verbali dalla corsa multistadio della navetta (MSR) sia in grado di determinare un miglioramento della prestazione in atleti di elite e non elite; e 2) se una MSR silente sia in grado determinare un più regolare modello di caduta attraverso esami di livello
Metodi. Atleti di elite (N=31) e non elite (N.=33) hanno praticato un MSR standard completo ed una versione modificata dello stesso, in assenza di segnali verbali (design incrociato parzialmente randomizzato). Il paragone è stato fatto tra punteggi di esame, livelli di sforzo e modelli di caduta dei partecipanti coinvolti nei test. È stata valutata l’affidabilità della ripetizione degli esami, mentre il test di validità è stato effettuato usando un sottogruppo di partecipanti (N=21) che han partecipato nell’esame laboratoristico del V.O2max.
Risultati. Differenze non significative sono state riscontrate per i punteggi o i livelli di sforzo tra gli MSR silenti e standard. Sia gli esami MSR hanno mostrato un’alta affidabilità nella ripetizione del test (audio; r=0,92, P<0,01, silent; r=0,96, P<0,01) ed una forte correlazione tra i valori di V.O2max misurati in laboratorio (audio; r=0,87, P<0,01, silent; r=0,84, P<0,01). È apparsa una tendenza dei test di MSR nel sottostimare in maniera significativa il V.O2max più alta negli atleti con una più alta capacità aerobica. Il modello di caduta è molto più regolare nell’MSR silente rispetto ai test audio.
Conclusioni. Entrambi i protocolli MSR producono risultati simili, in ogni caso, gli MSR standard è segnalato come dovuto alla sua più grande facilità nella somministrazione. A causa della sottostima del valore di V.O2max l’MSR non è raccomandato per una predizione maggiormente accurata della capacità aerobica, in particolare negli atleti di elite.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail