Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2009 June;168(3) > Gazzetta Medica Italiana-Archivio per le Scienze Mediche 2009 June;168(3):129-41

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana-Archivio per le Scienze Mediche 2009 June;168(3):129-41

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Effetti nocivi su organi e tessuti in ratti du-rante il primo “ciclo steroideo” con la somministrazione di steroidi anabolizzanti androgenici

Takahashi M. 1, Tatsugi Y. 1, Kohno T. 2

1 International Budo University Faculty of Physical Education Shinkan, Katsuura, Chiba, Japan
2 Ryotokuji University Faculty of Health Sciences Shinkan, Katsuura, Chiba, Japan


PDF  


Obiettivo. Alcuni atleti e fanatici dell’attività fisica abusano di numerose forme di steroidi anabolizzanti androgenici (AAS), con un meccanismo di accumulo. Questi atleti sperimentano effetti collaterali da AAS, ed è pertanto necessario indagare con che modalità si verificano questi effetti collaterali.
Metodi. Gli autori hanno suddiviso 37 ratti Wistar maschi in tre gruppi: al Gruppo A è stato somministrato 100 volte il dosaggio usuale di nandrolone decanoato, metenolone acetato e dromostanolone; il Gruppo B ha ricevuto la stessa dose di nandrolone decanoato e soluzione salina; mentre al Gruppo C è stata somministrata solo soluzione salina. In ciascun gruppo sono stati sacrificati 6 animali alla quarta settimana delle 6 settimane previste del ciclo con steroidi (Gruppo-1; A1, B1, C1), mentre i rimanenti ratti sono stati sacrificati nella seconda settimana del ciclo senza steroidi (Gruppo-2; A2, B2, C2).
Risultati. La necrosi del muscolo cardiaco in prossimità dell’area del pericardio era stata diagnosticata microscopicamente nel Gruppo A2. Inoltre, sempre nel Gruppo A2, sono stati evidenziati cambiamenti a livello renale, testicolare, della ghiandola prostatica e di altri organi. I valori di testosterone erano più elevati nei Gruppi A1, B1 e B2 rispetto a i gruppi di ratti che non hanno ricevuto steroidi, ma erano ancora più alti in quei ratti a cui sono stati somministrati multipli steroidi.
Conclusioni. Questi risultati indicano come vi sia un alto grado di rischio correlato all’assunzione di AAS. Addirittura, sono già evidenti effetti collaterali deleteri dopo l’assunzione di AAS nelle prime 4 settimane del ciclo con steroidi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail