Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2009 Giugno;168(3) > Gazzetta Medica Italiana-Archivio per le Scienze Mediche 2009 Giugno;168(3):121-8

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana-Archivio per le Scienze Mediche 2009 Giugno;168(3):121-8

lingua: Inglese

Quantità percepita di esercizio in adulti dipendenti da sostanze con deficit dell’attenzione/ disturbi iperattivi: un aspetto dell’auto-presentazione?

Mamen A. 1, Skrede A. 1,2, Munkvold H. 2, Martinsen E. 3,4

1 Faculty of Teacher Education and Sport Sogn og Fjordane University College Sogndal, Norway
2 Department of Psychiatry Førde Regional Hospital, Førde, Norway
3 Department of Research and Education Aker University Hospital, Oslo Norway
4 Institute of Psychiatry, University of Oslo Oslo, Norway


PDF  ESTRATTI


Obiettivo e metodi. Trenta soggetti adulti con dipendenza da sostanze , dei quali 13 con deficit dell’attenzione/disturbi iperattivi (attenting deficit/hyperactivity disorder, ADHD), sono stati testati su tapis roulant per valutare la soglia del lattato e il massimo uptake di ossigeno. La quantità percepita di esercizio (rating of perceived exertion, RPE) è stata registrata seguendo la scala a 15 punti di Borg.
Risultati. I soggetti con ADHD sono stati significativamente diversi da quelli non-ADHD per quanto riguarda il punteggio RPE, che è stato inferiore, 10,9 versus 13 (P=0,009), la soglia della frequenza cardiaca (HRLT), 151 versus 141 battiti/minuto-1 (P=0,022) e la concentrazione ematica del lattato (blood laccate concentration, BLC) alla soglia, 2,8 versus 2,4 mmol-1 (P=0,009), che erano superiori. Il massimo uptake di ossigeno è stato di 46 versus 44 ml.kg-1 (P=0,409) per i pazienti ADHD e i non ADHD, rispettivamente, e di conseguenza adeguato per l’esecuzione di un pesante lavoro fisico. La teoria dell’auto-presentazione è stata utilizzata per discutere le differenze osservate nei punteggi RPE: l’auto-presentazione auto-costruttiva cerca di far credere alle persone che sono quello che vorrebbero essere e l’obiettivo dell’auto-presentazione è quello di piacere a una platea.
Conclusioni. È necessaria una ricerca ulteriore per verificare i risultati di questo studio ed elaborare i processi sottostanti alle differenze osservate nei punteggi RPE delle persone con ADHD.

inizio pagina