Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2008 June;167(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2008 June;167(3):117-21

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

REVIEW  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2008 June;167(3):117-21

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Counselling andrologico e PMA

Vicari E., Vicari L. O., Condorelli R., Castiglione R., La Vignera S.

Sezione di Endocrinologia Andrologia e Medicina Interna Dipartimento di Scienze Biomediche Università di Catania Ospedale Garibaldi (Centro), Catania, Italia


PDF  


Con la legge 40/2004 sulla PMA, l’informazione alla coppia con problemi di infertilità, resa nei centri PMA è divenuta “simmetrica”: l’andrologo è messo nelle condizioni di portare a termine esami clinici e trattamenti relativi alle patologie maschili riscontrate. Nei centri di PMA, la presenza dell’andrologo a fianco del ginecologo è essenziale e finalizzata a consentire la scelta migliore per ciascuna coppia con infertilità da fattore maschile, in termini di possibilità di gravidanza, complicanze e costi. L’approccio medico corretto non è diverso dall’era pre-ICSI e continua a basarsi su anamnesi, obiettività internistico-andrologica, specifici esami di laboratorio e strumentali (1-2), suggeriti da ipotesi diagnostiche iniziali di inquadramento. Nel rispetto della tipologia dell’attività di consulenza (decisionale, di sostegno, genetica, terapeutica) prevista nelle linee guida contenenti indicazioni delle procedure e tecniche di PMA (art.7- legge 40/2004), il counseling andrologico finalizzato a “certificare” lo stato di infertilità per l’accesso alle tecniche di PMA (linee guida: art. 4, comma 1) per poter assicurare i criteri diagnostici e di gradualità terapeutica, essenzialmente comprende alcune tappe. I tappa. Counseling clinico-andrologico atto all’identificazione di categorie di pazienti, con fattore maschile di infertilità, a cui proporre opzioni terapeutiche di tipo tecnologico (PMA). II tappa. Counseling clinico-genetico atto alla valutazione dei potenziali “rischi” per la progenie

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail