Ricerca avanzata

Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2007 Giugno;166(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2007 Giugno;166(3):97-103

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia

Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Mensile

ISSN 0393-3660

Online ISSN 1827-1812

 

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2007 Giugno;166(3):97-103

 ARTICOLI ORIGINALI

Risultati funzionali e qualità della vita dopo isterectomia in soggetti di sesso femminile di etnia turca

Moraloglu O., Tapisiz O. L., Moroy P., Gungor T., Bulgurlu H., Doganay M., Ozdal B., Bilge U., Mollamahmutoglu L.

Dr. Zekai Tahir Burak Woman Health Education and Research Hospital, Department of Obstetrics and Gynecology, Ankara, Turkey

Obiettivo. Valutare l’effetto dell’isterectomia, eseguita per patologie non maligne, sui sintomi e sulla qualità della vita e identificare gli effetti collaterali a distanza di 3 e 6 mesi dall’intervento chirurgico.
Metodi. Studio di coorte prospettico, eseguito su 66 soggetti di sesso femminile con età compresa tra 40 e 77 anni sottoposti ad isterectomia per patologie non maligne. Le pazienti arruolate nello studio sono state sottoposte ad un’intervista personale al momento dell’isterectomia e a distanza di 3 mesi. A distanza di 6 mesi sono state fatte interviste telefoniche. Le pazienti hanno anche compilato un questionario auto-somministrato al momento dell’isterectomia e a distanza di 3 e 6 mesi dall’intervento chirurgico. Questo questionario, il cui obiettivo era di raccogliere i dati relativi ai benefici potenziali e agli effetti collaterali dell’isterectomia, è stato sviluppato con l’apporto di un psicologo della salute femminile e di un epidemiologo esperto nella progettazione di questionari. I dati clinici e quelli relativi al ricovero ospedaliero sono stati ottenuti dalle cartelle cliniche e dal data base dell’ospedale. All’inizio della studio e ad ogni visita di follow-up è stato anche valutata la Beck Depression Inventory Scale, con l’apporto di uno psicologo della salute femminile. I principali parametri valutati sono stati la scomparsa dei sintomi e la comparsa di nuovi sintomi o problemi durante lo studio. L’analisi statistica è stata eseguita utilizzando il programma statistico SPSS per Windows versione 11.05.
Risultati. I sintomi più frequenti prima dell’intervento chirurgico erano rappresentati da sanguinamenti anomali (51,5%), dal dolore pelvico (24,2%) e da problemi urinari (18%). Le indicazioni più frequenti per l’intervento di isterectomia sono state i leiomiomi (72,7%), il prolasso totale (9,1%) e la menometrorragia (3%). Dopo l’esecuzione dell’isterectomia è stato osservato un miglioramento significativo per alcuni sintomi quali il dolore pelvico (p=0,001), il sanguinamento anomalo (p=0,001), i sintomi urinari (P=0,01) e le disfunzioni sessuali (p=0,046). A distanza di 3 e 6 mesi era anche evidente un miglioramento significativo del punteggio della Beck Depression Inventory Scale (p=0,016). I nuovi sintomi comparsi dopo l’isterectomia sono stati rappresentati dalle vampate di calore (45,5%), dall’affaticamento (21,2%), dall’ansia (21,2%) e dall’insonnia (15,1%).
Conclusioni. L’isterectomia rappresenta un intervento altamente efficace per risolvere i sintomi associati alle comuni patologie ginecologiche non maligne. La scomparsa dei sintomi dopo l’isterectomia si è associata ad un marcato miglioramento della qualità della vita. La comparsa di nuovi sintomi o di problemi clinici dopo l’isterectomia ha riguardato un numero limitato di donne.


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina