Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2007 February;166(1) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2007 February;166(1):37-40

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

REVIEW  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2007 February;166(1):37-40

lingua: Italiano

Eiaculazione precoce: management clinico-diagnostico

La Vignera S., Calogero A. E., Vicari E.

Sezione di Endocrinologia, Andrologia e Medicina Interna, Dipartimento di Scienze Biomediche, Ospedale Garibaldi, Università degli Studi di Catania, Catania


PDF  


L’eiaculazione precoce rappresenta attualmente la più frequente affezione della sfera sessuale maschile assieme al deficit erettile e al pari di quest’ultima condizione incide in termini di impatto sulla qualità di vita dei pazienti in maniera notevole. Gli aspetti classificativi ed il relativo managment clinico rappresentano attualmente oggetto di dibattito aperto nella letteratura scientifica del settore. Dai dati emergenti dall’analisi di un vasto numero di review pubblicate sull’argomento consultando Medline nel periodo compreso tra il 1996 ed il 2004 è possibile ricavare contestualmente la più assoluta parzialità di visioni e punti di vista nella proposizione di varie definizioni e approcci diagnostici. Sono due le ipotesi etiopatogenetiche classicamente chiamate in causa per comprenderne l’esatto determinismo, quella psicogena contrapposta a quella organica. Tale prospettiva risulta tuttavia semplicistica e merita senz’altro un’ulteriore classificazione in sottogruppi diagnostici operativi.
Il paziente affetto da eiaculazione precoce tuttavia non rientra mai in una codifica diagnostica omogenea, riconoscendo nella dinamica della sua condizione quasi sempre momenti disfunzionali relativi sia alla fase comportamentale che organica di sede o iatrogena, pertanto l’approccio del medico competente deve essere rivolto a particolari quesiti da chiarire in premessa, al fine di una migliore e più lineare comprensione del dato clinico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail