Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2007 February;166(1) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2007 February;166(1):25-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2007 February;166(1):25-9

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Studio sulla prevalenza della perionissi-onissi nei pasticceri

Marcellini L. 1, Lippa P. 2, Dietrich S. 3, Monti C. 1, Tomei G. 1, Martini A. 1

1 Department of Occupational Medicine, University La Sapienza, Rome, Italy; 2 Italian Association for Demographic Education, Rome, Italy; 3 Dermatoscopy Out-patients’ Department, BIOS DUE s.r.l., Rome, Italy


PDF  


Obiettivo. Le onicopatie rappresentano uno dei più frequenti problemi a causa delle molte morfologie che assumono, che rendono difficile la diagnosi eziologica. L’obiettivo del nostro studio è di valutare la frequenza delle modificazioni a carico delle unghie (onissi) e delle aree periungueali (perionissi) delle mani di soggetti esaminati in un centro dermatologico qualificato, tenendo conto delle loro attività lavorative.
Metodi. Lo studio è stato eseguito su un gruppo di 900 soggetti, che sono stati monitorati per 6 mesi. All’ingresso nello studio, i medici hanno selezionato solo i soggetti che presentavano modificazioni ungueali e delle aree periungueali delle mani. Questi soggetti sono stati visitati da un dermatologo esperto. Tutti i soggetti ai quali è stata diagnosticata una perionissi-onissi sono stati sottoposti ad indagini micologiche (microscopiche e colturali) eseguite su materiale raccolto tramite curettage ungueale.
Risultati. Nell’ambito del gruppo iniziale sono stati selezionati 48 soggetti (gruppo O) che presentavano solo modificazioni delle unghie e delle aree periungueali delle mani al momento della visita. Da questo gruppo sono stati esclusi i soggetti con fattori confondenti. Dopo questa ulteriore selezione a 29 soggetti è stata diagnosticata una perionissi-onissi (gruppo P). Nel gruppo P gli esami micologici sul materiale ottenuto con il curettage ungueale hanno evidenziato che solo nei pasticceri la perionissi-onissi non era associata a superinfezione microbica.
Conclusioni. I dati ottenuti evidenziano un aumento della prevalenza della perionissi-onissi nei pasticceri rispetto ad altre categorie di lavoratori (quali i parrucchieri, gli estetisti e i vivaisti). Questo dato potrebbe spiegare il diverso processo fisiopatologico alla base dello sviluppo di questa condizione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail