Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2006 October;165(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2006 October;165(5):195-206

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

REVIEWS  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2006 October;165(5):195-206

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Le malattie più frequenti dei medici: nosologia e schemi di comportamento

Palmieri B., Palmieri L., Pollastri F., Baraldi C.

Dipartimento di Chirurgia Generale, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia


PDF  


In questo articolo vengono riportate le malattie più frequenti dei medici sulla base dei report della letteratura, non molto numerosi e per lo più orientati a problematiche di salute riferite a debilitazione psichica da super lavoro, frustrazione, tensione emotiva. E’ assai singolare che non esista una omogenea informazione riguardante la epidemiologia di malattie professionali suddivise per specialità o per aree di rischio ambientale e professionale inclusa quella oncologica, e forse ciò è dovuto alla “sindrome di invulnerabilità”, che affligge la maggior parte dei medici in buona salute al di sotto dei 50 anni. Peraltro risalta dai reports analizzati, come il medico tenda a risolvere il proprio particolare problema di malattia in modo riservato e discreto, talora autogestendo il percorso diagnostico terapeutico fino ai limiti del possibile, considerando la malattia una debolezza, talvolta una vergogna. Tali tempi di latenza morbosa possono essere fonte di responsabilità ed errori professionali. Nelle conclusioni viene descritta la incipiente esperienza italiana del network MCTS fortemente voluto e creato dagli autori, una istituzione in difesa dei medici ingiustamente accusati e le iniziative di un grosso ospedale italiano dedicata alla fitness e wellness dei propri dipendenti. Il tema trattato pare quindi destinato a stimolare ulteriori approfondimenti e incentivare nuovi studi di informazione, prevenzione e cura dei medici, la cui malattia è un vissuto prezioso di percorsi psicologici, etici e culturali da riversare beneficamente nel rapporto medico paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail