Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2006 June;165(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2006 June;165(3):99-103

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2006 June;165(3):99-103

lingua: Inglese

Epatiti e politiche sanitarie sociali in Grecia

Christodoulou I. 1, Pogonidis C. 2, Xenodoxidou E. 2

1 2nd Surgical Department, Papanikolaou Hospital Thessaloniki, Greece;
2 Department of Surgery, Sismanoglion Hospital Komotini, Greece


PDF  


Obiettivo. I target di cura medici devono essere visti non solo per allungare la vita dei pazienti, ma anche per promuovere la qualità di vita. In Grecia, recentemente, gli studi si sono focalizzati sulla qualità della vita dei pazienti, ma l’uso di indicatori indipendenti di qualità di vita è raro. Per lungo tempo, i sistemi di valutazione e di controllo della qualità della prestazione sanitaria sono stati considerati come problemi di secondo livello. Scopo dello studio è stato quello di valutare le politiche sanitarie in Grecia.
Metodi. In questa review non sistematica gli autori riportano gli studi che sono stati selezionati. Sono stati utilizzati 2 database e utilizzate parole chiave nella ricerca; inoltre gli autori riportano la loro esperienza.
Risultati. La politica sanitaria sociale riflette il livello socio-economico e le condizioni di igiene di ogni nazione. Le infezioni croniche da virus dell’epatite B sono frequenti e possono essere utilizzate come indicatore della salute pubblica. I tassi di infezione da epatite, un’importante causa di cirrosi epatica e carcinoma epatocellulare, influiscono drammaticamente sulla salute pubblica. In Grecia, I casi di infezione cronica da epatite sono diminuiti (3%). Tuttavia, a causa di un incremento dell’utilizzo di farmaci e dell’immigrazione da altri paesi di individui con elevate percentuali di infezioni croniche, sussiste nuovamente in problema di vaccinare la popolazione. Inotre l’epatite C, seconda fra le forme di epatite virale in Grecia, presenta un incremento della frequenza, soprattutto in gruppi ad alto rischio come gli zingari e i Muslims che vivono in condizioni sociali ed economiche disagiate.
Conclusioni. Non è azzardato considerare l’epatite con un utile indicatoree di salute sociale e come mezzo per valutare le politiche nazionali di salute sociale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail