Ricerca avanzata

Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2006 Febbraio;165(1) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2006 Febbraio;165(1):29-33

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia

Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Mensile

ISSN 0393-3660

Online ISSN 1827-1812

 

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2006 Febbraio;165(1):29-33

 ARTICOLI ORIGINALI

Placenta previa, pregresso taglio cesareo e revisione della cavità uterina

Guariglia L., Rosati P., Dell'Aquila C., Ferrazzani S., Caruso A.

Istituto di Clinica Ostetrica e Ginecologica, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

Obiettivo. Valutare la consegenza di pregressi interventi ostetrici sull’utero quali fattori di rischio per placenta previa ed accreta.
Metodi. Il nostro studio retrospettivo include pazienti con placenta previa o accreta diagnosticata mediante esame ultrasonografico e sottoposte a taglio cesareo nel periodo gennaio 1996-dicembre 2004. L’incidenza di placenta previa ed accreta è stata analizzata in pazienti con e senza precedenti anamnestici di taglio cesareo o revisione della cavità uterina per aborto.
Risultati. Nella nostra casistica di 27 426 pazienti 170 (0,62%) sono stati complicati da placenta previa e 10 (0,04%) da placenta accreta. L’incidenza di placenta previa, aumentata nel corso degli anni considerati, è significativamente maggiore in pazienti con pregresso taglio cesareo o revisione della cavità uterina per aborto ed in relazione al numero di pregressi interventi, rispetto a quelle senza precedente intervento (1,10% vs 0,31%; p<0.001 and 1,26% vs 0,44%; p<0.001, rispettivamente).
Conclusioni. Nella nostra casistica l’incidenza di placenta previa è risultata aumentata nel corso degli anni probabilmente per l’incremento di tagli cesarei. Tale incidenza appare aumentare in maniera significativa in relazione al numero di pregressi tagli cesarei e di pregressi interventi strumentali sull’utero.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina