Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 Dicembre;164(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 Dicembre;164(6):451-54

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

REVIEWS  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 Dicembre;164(6):451-54

lingua: Inglese

Screening del cancro della prostata: ne vale la pena?

Pompa P. 1, Gaspari G. 1, Tucci C. 1, Rossetti R. 1, Martegiani C. 1, Dente D. 1, Paniccia T. 2

1 Urology Division, SS. Annunziata Hospital, Chieti, Italy;
2 Division of Urology, G. D’Annunzio Chieti University, Chieti, Italy


PDF  ESTRATTI


Il cancro della prostata è uno dei tumori più frequenti nel sesso maschile e la seconda causa di morte per cancro nell’uomo, Per questi motivi esami di screening del cancro della prostata vengono eseguiti al fine di raggiungere una diagnosi ed una terapia precoce ed una riduzione nella mortalità per cancro prostatico. Attualmente esistono due importanti studi randomizzati di controllo sullo screening del cancro della prostata.
Lo scopo del lavoro è di capire se sia possibile ed utile introdurre uno screening del cancro prostatico nella pratica clinica e definire i costi/benefici.
Sfortunatamente la storia naturale del cancro della prostata, l’alto numero di pazienti da trattare dopo gli studi di screening, l’alto costo delle terapie eseguibili non giustificano sia gli studi di screening e sia le successive terapie possibili in tutti i pazienti.

inizio pagina