Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 August;164(4) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 August;164(4):275-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 August;164(4):275-9

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Ha senso operare le cisti ovariche feto-neonatali?

Comparetto B. 1, Bestini G. 2, Rubaltelli F. F. 2, Borruto F. 3

1 U.O. Ostetricia e Ginecologia, Ospedale Misericordia e Dolce, Azienda U.S.L. n. 4 di Prato, Prato; 2 Dipartimento di Pediatria, Divisione di Neonatologia, Università degli Studi di Firenze, Firenze; 3 Dipartimento Materno-Infantile, Divisione di Ostetricia e Ginecologia, Università degli Studi di Verona, Verona


PDF  


Obiettivo. Il trattamento delle cisti ovariche fetali, nonostante il miglioramento della diagnosi prenatale ottenuto con l’ecografia, è ancora discutibile. Alcuni studi suggeriscono l’opportunità di un trattamento aggressivo, mentre altri propendono per quello conservatore. La prognosi della maggior parte delle cisti ovariche congenite è buona, poiché esse hanno un’origine benigna. A volte, tuttavia, possono verificarsi complicazioni quali torsione o rottura che richiedono spesso l’intervento chirurgico dopo la nascita. In questo articolo riportiamo la nostra esperienza ed una piccola revisione della letteratura.
Metodi. Gli Autori hanno osservato 24 gestanti in cui l’ecografia aveva rivelato la presenza di una zona ipo- o anecogena nell’addome fetale, indicativa di una cisti ovarica. I controlli ecografici postnatali hanno confermato la diagnosi prenatale in tutti i casi.
Risultati. I diametri delle cisti variavano da 2,7 a 7,5 cm. Nei 12 casi in cui il diametro della cisti era inferiore a 4 cm, gli esami ecografici periodici hanno rivelato una tendenza verso la regressione spontanea delle cisti. Negli altri 12 casi, in cui il diametro della cisti superava i 4 cm, l’asportazione della cisti si era resa necessaria a causa della successiva insorgenza di complicazioni (torsione in 5 casi ed emorragia intracistica negli altri 7).
Conclusioni. L’approccio clinico migliore nel trattamento delle cisti ovariche feto-neonatali benigne è l’adozione di una politica di attesa, valutando il decorso di questa condizione per mezzo di controlli ecografici periodici. Soltanto in presenza di tumefazioni con più di 4 cm di diametro con possibili complicazioni è indicata la terapia chirurgica. In assenza di complicazioni, tuttavia, l’aspirazione del contenuto è possibile anche nelle cisti ovariche che superano i 4 cm di diametro.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail