Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 Giugno;164(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 Giugno;164(3):235-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 Giugno;164(3):235-7

lingua: Italiano

Un caso di ernia incisionale postintervento laparoscopico

Bergante D., Mainini R., Colombo F.

Ospedale Civico di Piacenza, U.O. Ostetricia Ginecologia, Piacenza


PDF  


Un caso di ernia incisionale post intervento laparoscopico per tumefazione annessiale.
L’ernia incisionale si è manifestata a distanza di 5 giorni dall’intervento di laparoscopia operativa per annessiectomia destra ed adesiolisi.
L’ernia incisionale è comparsa nella sede del trocar da 10 mm sinistro e si è manifestata clinicamente con un quadro di occlusione intestinale con comparsa di intenso dolore in fossa iliaca sinistra, vomito biliare e scariche diarroiche. In corrispondenza della fossa iliaca, a livello della ferita da introduzione del trocar sinistro, si apprezzava una tumefazione dolente.
L’intervento chirurgico effettuato a seguito del sospetto diagnostico di ernia incarcerata ha determinato la resezione dell’ansa intestinale necrotica e un’anastomosi laterolaterale.
Sebbene la maggior parte dei casi della letteratura si riferiscano a erniazioni di anse intestinali sulla linea mediana e quindi in corrispondenza della cicatrice ombelicale (trocar 10 mm), sono noti alcuni casi di ernia incisionale dalla porta laparoscopica laterale.
Nella rivalutazione delle nostre procedure, non essendoci fattori di rischio evidenti, né dal punto di vista anamnestico della paziente, né dal punto di vista degli strumenti utilizzati, si ritiene che un possibile fattore predisponente siano state le manovre eseguite durante l’asportazione della massa cistica che potrebbero aver ampliato la soluzione di continuo a livello della fascia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail