Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 Giugno;164(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 Giugno;164(3):187-90

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 Giugno;164(3):187-90

lingua: Italiano

Amenorrea psicogena: indagine sessuologica

Mainini G. 1, Torella M. 1, di Grazia F. 2, Lizza R. 2, Scaffa C. 1, De Franciscis P. 1

1 Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione, Seconda Università degli Studi di Napoli, Napoli;
2 Divisione di Ginecologia ed Ostetricia, Ospedale Civile di Aversa, Aversa (CE)


PDF  


Obiettivo. L’amenorrea secondaria psicogena viene definita «functional hypotalamic amenorrhoea» o «stress-related amenorrhoea» considerando la sola alterazione neuroendocrina o 1’etiopatogenesi nel suo complesso.
Diversi studi hanno contribuito a portare questa patologia all’esatto confine tra psichiatria e ginecologia. L’intervista semistrutturata secondo il DSMIV associata all’intervista per gli eventi stressanti secondo Paykel, dimostra come il disturbo del tono dell’umore (prevalentemente la distimia) porti una riduzione del numero dei picchi di LH.
Considerando l’importanza della sessualità e delle dinamiche coinvolte nella strutturazione dell’identità sessuale in questi soggetti, abbiamo voluto indagare questi parametri in pazienti affette da amenorrea secondaria mediante un colloquio sessuologico.
Metodi. È stato proposto il colloquio sessuologico a 36 pazienti affette da amanorrea secondaria, ricoverate presso il nostro reparto, in regime di Day-Hospital, per le indagini diagnostiche neuroendocrine e strumentali.
Risultati. Hanno aderito alla ricerca 21 pazienti (58,3%). Dal punto di vista diagnostico 16 pazienti presentavano un’amenorrea di tipo ipotalamico ipogonadotropinemico (HH) (76,2%), mentre 5 pazienti (23,8%) risultavano affette da sindrome dell’Ovaio Policistico (PCOS). Età media: 22,4±4,5 anni; tempo di amenorrea: 26,2±20,1 mesi; Body Mass Index: 22,4±4,5%; valori espressi come M±DS.
Le 16 pazienti affette da HH presentavano calo ponderale (7,8±8,5%) nei mesi precedenti l’insorgenza dell’amenorrea secondaria e disturbi, ancora presenti al momento del colloquio, del comportamento alimentare nell’ambito dello spettro bulimia-anoressia.
Il 75% dell’HH praticavano esercizio fisico regolare (4-6 volte alla settimana).
Il 42,8% (9/21) di tutte le pazienti intervistate riferiva un sintomo sessuale, di questi 1’88,8% faceva parte del gruppo neuroendocrinologico HH (8/9).
Il sintomo più rappresentato nelle HH è il vaginismo che insorge dai 3-8 mesi dopo il blocco mestruale.
Conclusioni. Da questi primi dati si delinea la figura di una giovane donna nella quale il percorso maturativo della identità sessuale si è fermato a livello preadolescenziale. Il vaginismo (50% delle HH) può essere visto come l’equivalente sessuale dell’anoressia, vi è, in ambedue i casi, il rifiuto del piacere! Analizzando i pilastri sui quali si regge l’identità sessuale femminile (Maternità, Seduttività, Ruolo familiare, Ruolo sociale, Eroticità) il sintomo sessuale può permettere di distinguere due categorie di HH:
a) senza vaginismo: rifiuto della maternità e del ruolo familiare;
b) con vaginismo: rifiuto della maternità, della seduttività, del ruolo familiare e della eroticità. Nella HH senza vaginismo viene conservato la ricerca del piacere nell’eroticità, nella relazione e nella seduttività. Il blocco mestruale può solo portare al rifiuto della gravidanza e, in definitiva, del ruolo della donna come madre, inserita come tale nella famiglia.
Questi primi dati suggeriscono la necessità di una caratterizzazione diagnostica completa ed approfondita nelle amenorree secondarie di tipo ipotalamico per una programmazione terapeutica mirata alla persona nella sua totalità.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail