Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 April;164(2) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 April;164(2):135-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI SPECIALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 April;164(2):135-9

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

La metodologia della ricerca biomedica. La scrittura scientifica. Parte 2: cinque aspetti caratterizzanti

Camaiora L. 1, Conti A. A. 2, 3

1 Department of Linguistic Sciences and Foreign Literatures, Catholic University of the Sacred Heart, Milan, Italy; 2 Department of Critical and Surgical Health Care University of Florence, Italy; 3 Don Carlo Gnocchi Foundation, Centro S. Maria agli Ulivi IRCCS, Pozzolatico, Florence


PDF  


Questo articolo costituisce la seconda parte di un seminario sulla scrittura scientifica in lingua inglese nell’ambito della ricerca biomedica. Nella prima parte sono stati discussi i cinque quesiti le cui risposte sono di ausilio nel determinare la struttura ed i contenuti della prosa scientifica in inglese. Questa seconda parte presenta cinque aspetti caratterizzanti, considerati essenziali per la scrittura scientifica; si tratta della fluidità, della chiarezza, della precisione, della sintesi e della obiettività. Nel testo viene sottolineato come i parametri della Royal Society, già nel XVII secolo, divennero i canoni non soltanto della scrittura scientifica in inglese ma anche dello stile letterario della lingua inglese, e come l’inglese moderno abbia ereditato una tradizione di scrittura che lo rende particolarmente appropriato per la scrittura scientifica. I cinque aspetti caratterizzanti discussi nell’articolo seguono il percorso tracciato dal vescovo Sprat (vedasi al riguardo la prima parte del seminario).

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail