Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 Febbraio;164(1) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 Febbraio;164(1):43-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

NOTE DI TERAPIA  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 Febbraio;164(1):43-6

lingua: Inglese

La chemoprofilassi antibatterica nell’ureteroscopia: utilizzo della levofloxacina come terapia sequenziale versus terapia per os alla dose singola di 500 mg/die

Costantino G. 1, Condorelli S. 2, Costanzo V. 2, Granata M. 2, Pisciotta F. 2, Matera M. 1

1 Section of Nephrology and Urology, Department of Pharmacology, Catania University, Catania, Italy;
2 Section of Urology, Foundation G. B. Morgagni, Catania, Italy


PDF  


Obiettivo. È stato condotto uno studio clinico sull’efficacia e la tollerabilità di una singola dose di levofloxacina somministrata per via orale in corso di uteroscopia diagnostica e terapeutica presso un dipartimento di urologia.
Metodi. Nel periodo compreso tra gennaio 1999 e giugno 2002, 388 pazienti affetti da urolitiasi e candidati all’intervento di ureterolitotripsia sono stati arruolati nello studio e assegnati a 1 dei 2 gruppi di trattamento con criterio casuale; gli specifici criteri di inclusione comprendevano l’età (superiore a 18 anni), la sterilità delle urine, la presenza di un consenso almeno verbale ecc. La levofloxacina è stata somministrata per via orale alla dose singola di 500 mg/die, 4 h prima dell’esecuzione della procedura endoscopica e per i 5 giorni successivi (gruppo A) oppure per via endovenosa unicamente 4 h prima dell’intervento e quindi per via orale per 5 giorni (gruppo B). Nessun antibiotico è stato somministrato in aggiunta alla levofloxacina; al termine della 1° e della 2° settimana dopo l’intervento sono state eseguite delle urocolture.
Risultati. Trecentocinquantasei pazienti hanno completato il trattamento e sono stati seguiti correttamente per il follow-up. Nel gruppo A, sono stati registrati 12 casi di urosepsi (6,5%), mentre nel gruppo B i casi di urosepsi sono stati pari al 7,5%. Ventisei pazienti appartenenti al gruppo A (14,1%) e 29 pazienti appartenenti al gruppo B (16,2%) presentavano urocolture positive.
Conclusioni. La levofloxacina per os alla dose singola di 500 mg/die è utile nella chemoprofilassi antibatterica per l’ureteroscopia e presenta risultati clinici sovrapponibili a quelli della terapia sequenziale per via endovenosa/per os. È stata registrata una bassa incidenza di effetti collaterali. Riteniamo che l’utilizzo della levofloxacina per via orale può essere efficace in casi selezionati di ureterolitotripsia, è di agevole somministrazione ed è utile nel ridurre i costi dovuti all’ospedalizzazione del paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail