Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 Dicembre;163(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 Dicembre;163(6):291-308

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

NOTE DI TERAPIA  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 Dicembre;163(6):291-308

lingua: Italiano

L’apporto nutriceutico nel trattamento delle ulcere trofiche e da decubito

Zaccagna C. A., Zullo G.

MMG, ASL n. 5, Rivoli Torinese (Torino)


PDF  


Il trattamento delle ulcere trofiche e da decubito non può non prescindere dalla conoscenza del substrato sul quale tali lesioni si sono formate. Secondo l’esperienza degli Autori infatti, è di fondamentale importanza la preparazione del citoterreno applicando norme nutriceutiche che riducano la presenza dei radicali liberi nei tessuti colpiti dalle lesioni distrofiche. È ormai universalmente riconosciuta l’azione citotossica di tali prodotti del metabolismo sulla rigenerazione tissutale, come anche per contro l’azione terapeutica di molte sostanze antiossidanti introdotte con l’alimentazione. In una disamina a tutto campo, gli Autori propongono una serie di accorgimenti nutriceutici che, utilizzando prodotti alimentari riconducano l’organismo, vittima di affezioni distrofiche, a un’omeostasi ottimale per la riparazione delle ulcere. L’impiego di alimenti compatibili con il gruppo sanguigno, di omega-derivati, di fermenti lattici adeguati all’assorbimento dei micronutrienti, di sostanze antiossidanti e di drenanti cellulari, rende l’azione dei vari ritrovati topici (collageni deantigenati) estremamente efficace e rappresenta inoltre un notevole risparmio della spesa che tali affezioni abitualmente richiedono.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail