Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 August;163(4) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 August;163(4):121-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 August;163(4):121-5

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La neoplasia della mammella maschile. Case report su due casi

Panier Suffat P., Bianco A., Calello G., Guffanti P., Monticone C., Ramellini G., Tozzi D., Tridico F., Truda G., Panier Suffat L.

Sezione di Chirurgia Generale e Oncologica, Dipartimento di Discipline Medico-Chirurgiche, Università degli Studi di Torino, Torino


PDF  


Il carcinoma della mammella maschile è una neoplasia rara, con un’incidenza pari a circa l’1% di tutti i tumori della mammella.
Nella sua eziopatogenesi sono coinvolti molti fattori tra cui la ginecomastia, fattori genetici ed ereditari, terapia estrogenica, una condizione di iperestrogenismo e patologie ad esso associate.
Gli Autori riportano la loro esperienza a proposito di 2 casi dei quali vengono esaminati i fattori eziologici e prognostici, il percorso diagnostico, il trattamento chirurgico e le terapie complementari.
Rispetto al corrispettivo femminile, il carcinoma della mammella maschile è caratterizzato da una più alta positività dei recettori ormonali.
La sede della neoplasia, più frequentemente localizzata in regione sottoareolare, può determinare un ritardo nella diagnosi e nel trattamento.
La terapia chirurgica di scelta è la mastectomia totale secondo Patey o secondo Halsted, associata a linfoadenectomia del cavo ascellare. Spesso vengono associate chemioterapia e radioterapia adiuvanti. La prognosi è sostanzialmente la stessa in entrambi i sessi se rapportata al medesimo stadio, tuttavia, a causa della relativamente bassa incidenza della patologia nell’uomo, essa viena diagnosticata in uno stadio più avanzato con prognosi peggiore.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail