Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 Giugno;163(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 Giugno;163(3):89-92

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI SPECIALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 Giugno;163(3):89-92

lingua: Inglese

La metodologia della ricerca biomedica. Il discorso scientifico. Parte 1: 5 interrogativi

Camaiora L. 1, Conti A. A. 2

1 Depart­ment of Lin­guis­tic Sci­enc­es and For­eign Lit­er­a­tures, Cath­o­lic Uni­ver­sity of the ­Sacred ­Heart, ­Milan, Ita­ly;
2 Depart­ment of Crit­i­cal and Sur­gi­cal ­Health ­Care Uni­ver­sity of Flor­ence, Flor­ence, Ita­ly and “Don Car­lo Gnoc­chi” Foun­da­tion, IRCCS “S. ­Maria ­agli Uli­vi”, Poz­zol­ati­co, Flor­ence, Ita­ly


PDF  


Il presente lavoro analizza il discorso scientifico in lingua inglese, sottolineando la continuità della tradizione inglese in questo tipo di scrittura. In particolare, vengono evidenziate le differenze tra la prosa inglese e quella italiana, affinché gli Autori italiani dei lavori scientifici in lingua inglese possano constatare quanto gli schemi linguistici della loro lingua nativa siano differenti da quelli della prosa anglosassone. I parametri della Royal Society, che risalgono al XVII secolo, sono diventati i canoni stilistici non solo delle pubblicazioni di argomento scientifico, ma anche della produzione letteraria in lingua inglese: infatti la lingua inglese moderna ha ereditato una tradizione stilistica in prosa che la rende particolarmente adatta al discorso scientifico. Sulla base di queste premesse, viene analizzato il discorso scientifico in lingua inglese e vengono proposte 5 domande, che aiutano a delinearne la struttura e i contenuti: 1) Quale lettore? 2) Quale informazione? 3) Quale sequenza? 4) Quale registro? 5) Quale reazione?

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail