Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 April;163(2) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 April;163(2):31-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 April;163(2):31-5

lingua: Italiano

Differenze significative tra sesso maschile e femminile in una nostra casistica di pazienti in AIDS

Pellicanò S., Calzone R., Terra M., Terra L.

Divisione di Malattie Infettive, Ospedale «S. Giovanni di Dio», ASL 5, Crotone


PDF  


Obiettivo. Oggi le donne sono il gruppo a maggior rischio di infezione da HIV, hanno una maggiore propensione per la progressione della malattia e muoiono prima degli uomini per un ritardo della diagnosi o di inizio del trattamento. Lo scopo di questo lavoro è stato quello di valutare se fattori fisiologici, sociali o psicologici, caratterizzano l’infezione da HIV nel sesso femminile.
Metodi. Nel periodo gennaio 1990-agosto 2003 abbiamo assistito 437 pazienti affetti da AIDS, 375 di sesso maschile (86%) e 67 di sesso femminile (14%). Dall’aprile 1994 a dicembre 1996 abbiamo inoltre seguito 15 pazienti, 11 maschi (86%) e 4 femmine (14%) in assistenza domiciliare.
Risultati. Nel nostro studio alla sieroconversione le donne hanno presentato un numero di CD4 superiore a quello degli uomini e tale differenza è rimasta costante fino alla morte; la carica virale è risultata inferiore a quella degli uomini ma tale differenza tende a scomparire nel tempo, l’alterazione dei livelli lipidici è risultato maggiore nelle donne; la redistribuzione dei grassi nelle donne ha interessato soprattutto seno e vita. Fattori associati alla malnutrizione sono risultati: inappetenza, lesioni orali e/o esofagee, ansia, depressione, diarrea, basse condizioni socio-economiche, mancanza di denti. La ricerca sociale ha evidenziato una migliore compliance nelle donne arruolate in assistenza domiciliare e/o con adeguato supporto nutrizionale, psicologico e sociale.
Conclusioni. Il nostro studio ha stabilito che esistono differenze significative rispetto alla progressione verso l’AIDS e nel decorso clinico nei 2 sessi. Un’appropriata gestione dell’infezione nelle sieropositive deve includere il counselling dietologico e un adeguato supporto psico-sociale. Le differenze di genere rispetto ai CD4 e alla carica virale potrebbero rappresentare il razionale per una revisione delle linee-guida per le donne, originariamente elaborate per una popolazione prevalentemente maschile.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail