Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2003 Giugno;162(2-3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2003 Giugno;162(2-3):55-66

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2003 Giugno;162(2-3):55-66

lingua: Italiano

Utilizzo degli antibiotici in ambiente ospedaliero: il P.O. “Maddalena Raimondi” di San Cataldo (CL)

Cimino V. 1, Medico L. 2, Seminatore G. F. 2

1 Scuola di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera, Facoltà di Farmacia, Università degli Studi di Catania, Catania;
2 Ospedale «Maddalena Raimondi» di San Cataldo Azienda per i Servizi Sanitari 2, Caltanissetta


PDF  


Obiettivo. Gli antibiotici hanno, in media, costi elevati e rappresentano percentuali importanti della spesa farmaceutica ospedaliera. Il loro uso corretto e appropriato è quindi fondamentale per la razionalizzazione della spesa.
Metodi. Questo lavoro ha analizzato i dati relativi al consumo degli antibiotici nell’anno 2001 nel Presidio Ospedaliero «Maddalena Raimondi» di San Cataldo di Caltanissetta. I dati sono stati aggregati per molecola e per reparto di degenza.
Risultati. I reparti che utilizzano di più gli antibiotici sono quelli di Medicina e di Chirurgia seguiti da quello di Ortopedia. Il principio attivo più utilizzato è il Ceftriazone, con il quale sono stati trattati oltre 1/4 dei pazienti, che rappresenta l’antibiotico di scelta nella terapia. Seguono nei consumi il Cefonicid, la Piperacillina e la Netilmicina.
Conclusioni. Dai dati disponibili non è possibile fare un’analisi costo-efficacia ma dalle indicazioni relative alle patologie diagnosticate si evince che a fini terapeutici l’antibiotico di scelta è il Ceftriaxone mentre il Cefonicid è preferito nella profilassi chirurgica per il basso costo. L’impiego di antibiotici ad alto costo è limitato alle patologie più gravi o dove si sospetta la resistenza agli altri prodotti. Sono comunque preferiti i principi attivi per i quali è sufficiente una monosomministrazione giornaliera. Anche dal confronto con lo studio AIRONE il Ceftriaxone risulta l’antibiotico più utilizzato.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail