Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2002 Aprile;161(2) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2002 Aprile;161(2):101-4

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

NOTE DI TERAPIA  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2002 Aprile;161(2):101-4

lingua: Italiano

Nuovo approccio terapeutico nella malattia di Alzheimer con l’impiego di un estratto di Ginkgo biloba in associazione a magnesio e L-arginina

Cucca S., Martechini A., Musolino F.

Ospedale al Mare, Lungodegenza, Lido di Venezia, Venezia


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. Il presente studio è stato effettuato allo scopo di valutare, in soggetti affetti da malattia di Alzheimer di grado lieve-moderato, l’utilità terapeutica sia di un trattamento di associazione con estratto di Ginkgo biloba, magnesio ed arginina, che di un approccio non farmacologico basato sulla Terapia di Orientamento nella Realtà (ROT).
Metodi. Tre gruppi omogenei di pazienti con malattia di Alzheimer di grado lieve-moderato, in tutto 46 soggetti, sono stati valutati mediante Mini Mental Status Examination (MMSE) al tempo basale e dopo 6 e 12 mesi. Il Gruppo A, costituito da 16 pazienti, veniva trattato per 12 mesi con l’associazione Ginkgo biloba, magnesio ed arginina; il Gruppo B, 115 pazienti, riceveva tre cicli di ROT formale al I, IV e VIII mese di osservazione; il Gruppo C, costituito da 15 pazienti, fungeva da gruppo di controllo.
Risultati. Nel gruppo trattato con l’associazione Ginkgo biloba, magnesio ed arginina, il punteggio medio del MMSE presentava un lieve incremento al VI mese ed una diminuzione al XII che però non risultava statisticamente significativa. Nel gruppo ROT il punteggio medio del MMSE si riduceva sia al VI che al XII mese sempre in maniera statisticamente non significativa. Nel gruppo di controllo la riduzione del punteggio medio del MMSE risultava considerevole e statisticamente significativa.
Conclusioni. La ROT e soprattutto l’associazione Gingko biloba, magnesio ed arginina sembrano in grado di rallentare significativamente il progressivo deterioramento mentale della AD. Riteniamo utile l’associazione dei due tipi di trattamento.

inizio pagina