Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2002 April;161(2) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2002 April;161(2):69-75

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

REVIEWS  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2002 April;161(2):69-75

lingua: Italiano

Approccio riabilitativo alle lesioni dell’apparato muscoloscheletrico nel paziente emofilico

Merli P.

UOA Recupero e Rieducazione Funzionale, ASO S. Giovanni Battista - Torino


PDF  


Nel paziente emofilico sono molto frequenti le manifestazioni emorragiche a livello dell’apparato muscoloscheletrico: emartro, ematoma muscolare, pseudotumore emofilico. In base all’entità dei sintomi, alla sede della lesione, all’età e alla storia clinica del paziente, sempre associando la somministrazione di fattori sostitutivi della coagulazione, si potrà proporre un trattamento conservativo (immobilizzazione) o chirurgico (sinoviectomia, artroprotesi, evacuazione delle raccolte emorragiche). In tutti i casi, la riabilitazione può contribuire a migliorare la qualità di vita dei pazienti emofilici, riducendo le limitazioni funzionali, migliorando la stenia muscolare e l’escursione articolare, evitando squilibri posturali, supplendo con idonei ausilii a danni non emendabili. I risultati del trattamento dell’emofilia dipendono dalla creazione di una rete di cura polidisciplinare, che coinvolga i servizi di ematologia, ortopedia e riabilitazione; solo un approccio globale risulta efficace nel trattamento di questa patologia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail