Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2001 Giugno;160(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2001 Giugno;160(3):101-3

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2001 Giugno;160(3):101-3

lingua: Italiano

La colposospensione secondo Burch nella incontinenza urinaria da difetto di trasmissione

Grio R., Cellura A., Colla F., Piacentino R.

Università degli Studi - Torino, Dipartimento di Discipline Ginecologiche ed Ostetriche, Cattedra B e Cattedra C


PDF  


Obiettivo. Nella donna l’incontinenza urinaria da sforzo da difetto di trasmissione è una patologia uro-ginecologica importante che provoca un impatto disastroso sulla qualità della vita. Sono note infatti le ripercussioni estremamente negative di questa condizione sull’attività fisica, psichica, sessuale, relazionale e sociale della paziente.
Scopo dei nostro studio è quello di valutare il ruolo della colposospensione sec. Burch nella correzione di questa grave affezione morbosa.
Metodi. In un periodo compreso tra marzo 1997 ed ottobre 1998, presso la Cattedra C dell’Istituto di Ginecologia ed Ostetricia dell’Università di Torino, Sono state sottoposte ad intervento di colposospensione sec. Burch 27 pazienti, di età compresa tra i 40 e i 70 anni (età media 55), affette da Incontinenza Urinaria da Sforzo (IUS).
La casistica operatoria è stata selezionata mediante le prove urodinamiche che hanno dimostrato un mancato funzionamento dei meccanismo di chiusura (insufficienza sfinteriale) per difetto di trasmissione della pressione intra-addominale sull’uretra, in condizioni di carico, con insufficienza dei pavimento pelvico.
Sono state escluse dall’intervento le pazienti che, sia pure in presenza di difetti di trasmissione, presentavano altri fattori associati di patologia vescicale (instabilità dei detrusore, danni dello sfintere uretrale, ecc.).
Il controllo dell’esito chirurgico è stato fatto a 6 mesi in 11 casi e a 18 mesi dall’intervento negli altri 16 casi.
La valutazione dei risultato è stata fatta definendo positivi i casi in cui si è avuta la totale scomparsa della sintomatologia soggettiva. I casi in cui si è registrato che la sintomatologia non si è modificata o è semplicemente migliorata sono stati classificati negativi.
Risultati. Su un totale di 27 casi trattati abbiamo avuto 85% di casi positivi e 15% di casi negativi.
Conclusioni. I risultati ottenuti, che sono peraltro in armonia con quelli della letteratura nazionale ed internazionale, permettono di concludere che l’intervento di colposospensione sec. Burch rappresenta il metodo chirurgico di elezione in tutti i casi di IUS da difetto di trasmissione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail