Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2000 December;159(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2000 December;159(6):209-16

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

REVIEWS  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2000 December;159(6):209-16

lingua: Italiano

Percorsi terapeutici in oncologia polmonare. I compiti della terapia nutrizionale

Lo Giudice V.

Azienda Ospedaliera di Cosenza - Ospedale M. Santo, I Divisione di Pneumologia


PDF  


La malnutrizione è lo «stato morboso che si stabilisce quando, nel tempo, non siano soddisfatte le esigenze alimentari quali-quantitative dell’organismo» (Zangara A). Tale evento è condizione di costante osservazione in corso di neoplasia. Scopo del lavoro è, pertanto, quello di stabilire ruolo e possibilità d’intervento terapeutico nel trattamento della malnutrizione da neoplasia. L’Autore riferisce sullo stato attuale delle conoscenze sull’argomento, dimostrando che le indicazioni degli specialisti nutrizionisti non sempre sono seguite da una corretta impostazione della terapia alimentare, considerata, spesso, solo di supporto e, come tale, accessoria alla terapia chirurgico-farmacologica. Si propone di dimostrare l’importanza dell’intervento dietetico nutrizionale nella terapia del K polmonare. Dopo un escursus sui compiti della nutrizione e sui fisiologici fabbisogni energetici giornalieri, passa in rassegna le possibili cause di cachessia neoplastica, dà informazioni sulle alterazioni dei metabolismi intermedi in corso di tumore, propone strategie d’intervento dietetico-nutrizionale nella prevenzione e nel trattamento della possibile, conseguente, malnutrizione. Pone l’accento sull’opportunità di interventi nutrizionali (per via orale, con l’impiego dei comuni alimenti, per via entrale, impiegando sonde e miscele alimentari artigianali o a formula definita, e per via parenterale) che siano in grado di assicurare un corretto stato nutrizionale, il potenziamento delle terapie in corso, la riduzione del rischio operatorio. La conclusione è che un opportuno intervento nutritivo, realizzato con l’ausilio di personale specializzato, assicurando gratificazione al paziente e supporto psicologico agli operatori, migliora il performance status e la qualità della vita.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail