Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2000 December;159(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2000 December;159(6):189-92

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2000 December;159(6):189-92

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

DEXA vs ultrasuoni nella valutazione dell’osteopenia del climaterio femminile

Parfumi C., Pernicone G., Farina M., Russo A., Bandiera S., Privitera O., Giardina P., Cianci A.

Università degli Studi - Catania, Dipartimento di Scienze Microbiologiche e Scienze Ginecologiche


PDF  


Obiettivo. Comparazione dell’indagine mineralometrica col sistema a raggi X e con la metodica ad ultrasuoni, rilevati sul calcagno, per la valutazione dell’osteoporosi.
Metodi. Indagine eseguita su 153 pazienti sottoposte contemporaneamente a mineralometria ossea computerizzata mediante apparecchiatura Lunar DPX (DEXA) e sistema ad ultrasuoni calcaneare (QUS-TM- Metra Biosystem).
Risultati. Suddividendo le pazienti in tre gruppi per fasce di età (Gruppo A 45-55 anni; Gruppo B 56-66 anni; Gruppo C 67-77 anni) abbiamo notato una concordanza di risultati prevalentemente nel Gruppo B (83,92%), mentre nel Gruppo A prevalevano le positività con gli ultrasuoni e nel Gruppo C quelle col sistema a raggi X.
Conclusioni. Noi riteniamo che l’indagine ad ultrasuoni sia più indicata nelle fasce giovani e possa essere usata come screening per l’evidenziazione dei soggetti «a rischio» di Osteoporosi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail