Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 December;158(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 December;158(6):191-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 December;158(6):191-6

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il trattamento naturale dell’alitosi

Corno F., Mistrangelo M., Capuzzi P., Donati D., Antonucci M., Carera M., Zoanetti S., Ghiougi S.

Università degli Studi - Torino, Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Sezione Clinica Chirurgica Generale ed Oncologica


PDF  


Obiettivo. L’alitosi è un disturbo frequente che affligge il genere umano dai tempi antichi. È un problema di carattere sia sociale che economico, soprattutto nei paesi industrializzati. L’alitosi può essere determinata da molteplici fattori orali o extra-orali, sebbene in molti casi il cattivo odore origina dalla cavità orale stessa. Molti studi hanno evidenziato che i componenti sulfurei volatili sono i gas più frequentemente associati con l’alitosi. Lo scopo di questo studio è quello di valutare l’efficacia di un nuovo prodotto naturale, studiato per l’alitosi.
Metodi. A tale scopo 20 giovani adulti sani sono stati valutati per la loro alitosi dopo una cena a base di alimenti a base di aglio. I volontari sono stati suddivisi random in 2 gruppi, che hanno assunto rispettivamente niente (n=10) o il nuovo prodotto naturale (n=10). I soggetti sono stati testati, tramite uno «sniff test», in modo random da 2 giudici che non erano a conoscenza sulla composizione dei 2 gruppi. Il test è stato condotto 90 e 180 minuti dopo l’assunzione del prodotto.
Risultati. Gli Autori hanno osservato un’importante riduzione dell’alitosi nei soggetti che avevano assunto il prodotto rispetto al gruppo di controllo, soprattutto dopo 180 minuti. I risultati rilevano un miglioramento dell’alitosi dopo l’assunzione del nuovo prodotto.
Conclusioni. Gli Autori sottolineano che i migliori risultati nel trattamento dell’alitosi richiedono l’associazione di tale prodotto con il miglioramento dell’igiene orale, l’eliminazione della sepsi endo-orale e l’assunzione di pasti regolari. Ulteriori studi saranno in grado di valutare il ruolo di questo nuovo prodotto nel trattamento dell’alitosi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail