Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 Giugno;158(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 Giugno;158(3):91-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 Giugno;158(3):91-4

lingua: Italiano

La malattia fibrocistica della mammella

Vadalà G., Caragliano L., Vadalà F., Caragliano P., Pappalardo A., Vadalà S.

Università di Catania, Cattedra di Chirurgia d’Urgenza e Pronto Soccorso


PDF  


Obiettivo. La malattia fibrocistica consiste in un insieme di alterazioni anatomopatologiche interessanti la mammella che colpiscono l’89% delle donne in età fertile.
Metodi. Gli Autori riportano la propria esperienza su 258 pazienti affette da patologia mammaria benigna con età compresa tra 15 e 71 anni. Parametri fondamentali per lo studio sono stati l’età e la sintomatologia. Dopo accurato esame clinico sono state studiate mediante termografia, ecografia e mammografia.
Risultati. Centododici (44%) pazienti presentavano un’affezione bilaterale che si può inquadrare con il termine di «mastodinia», queste furono trattate con la sola terapia medica e sottoposte a controlli periodici.
Novantatré (36%) pazienti all’esame istologico del pezzo asportato presentavano: 42 (45%) mastopatie non altrimenti classificate, 29 (31%) cisti, 20 (22%) fibroadenoma, 1 (1%) papilloma, 1 (1%) adenoma. Ventisette (29%) pazienti avevano secrezione del capezzolo, di cui 1 secrezione ematica. In 5 (5%) si era instaurato un processo carcinomatoso.
Furono diagnosticati come carcinomi 53 casi (20%).
Nei 93 casi da noi sottoposti ad interventi chirurgici, le indagini strumentali hanno avuto una positività del 95%.
L’incidenza maggiore della malattia si è avuta tra ai 41 ed i 50 anni (35%).
Conclusioni. Gli Autori concludono che la malattia fibrocistica rientra nel quadro del fisiologico invecchiamento dell’organo e ribadiscono l’importanza della prevenzione per la determinazione del momento in cui avviene la possibile trasformazione cancerosa. L’alta incidenza di questa affezione fa ritenere che essa non sia malattia vera e propria, ma la normale evoluzione che la ghiandola mammaria subisce sotto gli stimoli ormonali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail