Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 Giugno;158(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 Giugno;158(3):87-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 Giugno;158(3):87-9

lingua: Italiano

Schistosomiasi, tumore carcinoide e appendicite acuta. Una nuova trilogia

Maculotti L. 1, Pradella P. 2

1 Azienda Ospedaliera, Ospedale Niguarda Ca’ Granda - Milano, Divisione di Chirurgia Generale Andrea Ponti;
2 Azienda Ospedaliera, Ospedale Niguarda Ca’ Granda - Milano, Divisione di Chirurgia Generale d’Urgenza


PDF  


Si presenta una nuova trilogia, costituita da schistosomiasi, tumore carcinoide e appendicite acuta, insorta in un soggetto egiziano di 22 anni, recentemente immigrato in Italia. Se rara è l’associazione della schistosomiasi con l’appendicite acuta (2,4% in Nigeria) e ancor più rara l’associazione del tumore carcinoide con l’appendicite acuta (0,3-0,75%), nessun riscontro della trilogia in Medline e in Biosis, cosicché il presente caso può essere ritenuto il primo in assoluto citato in letteratura.
Nessun ausilio diagnostico è pervenuto dalla clinica, che ha portato in sala operatoria il giovane egiziano per un tipico quadro di appendicite acuta. Solo l’anatomia patologica poneva diagnosi, individuando uova di schistosoma all’interno del lume appendicolare, un tumore carcinoide infiltrante la tonaca muscolare del terzo distale dell’organo e un flemmone appendicolare.
La terapia chirurgica dell’appendicectomia va considerata sufficiente in casi analoghi per la flogosi flemmonosa e per il tumore localizzato distalmente e quella medica con praziquantel per la schistosomiasi intestinale. Il follow-up a 5 anni può essere cautelativo per tumori a bassa malignità con un’incidenza di metastatizzazione inferiore al 3%.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail