Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 April;158(2) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 April;158(2):55-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 April;158(2):55-7

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Endocardite brucellare in paziente con sindrome di Marfan. Descrizione di un caso

Terra L. 1, Pellicanò S. 1, Bertuccio N. S. 2, Calzone R. 3, Dattola O. L. 1, Mandica D. 3, Seminara V. 2

1 Regione Calabria ASL n. 5 - Ospedale «S. Giovanni di Dio» - Crotone, Divisione di Malattie Infettive; 2 ASL 8 Ospedale Civile «G. Jazzolino» - Vibo Valentia, Divisione di Malattie Infettive; 3 egione Calabria ASL n. 5 - Ospedale «S. Giovanni di Dio» - Crotone, Dietista


PDF  


La sindrome di Marfan è una rara malattia ereditaria del tessuto connettivo a carattere autosomico dominante causata da una mutazione genica del cromosoma 15. È caratterizzata da alterazioni scheletriche, oculari e cardiovascolari quali l’insufficienza mitralica, per prolasso, dilatazione od insufficienza aortica, insufficienza tricuspidale con o senza prolasso. Nell’aorta si osserva una necrosi cistica della tunica media e possibile rottura o formazione di aneurismi; sulle lesioni cardiovascolari può impiantarsi un’endocardite batterica. Gli Autori descrivono un caso di endocardite brucellare in un paziente affetto da questa sindrome; sottolineano i meccanismi patogenetici delle alterazioni di questa rara malattia ed ipotizzano che le alterazioni endocardiche si siano instaurate per l’impianto della brucella su un endotelio già alterato da fattori emodinamici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail