Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1998 October-December;157(5-6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1998 October-December;157(5-6):153-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1998 October-December;157(5-6):153-7

lingua: Inglese

Metodi naturali per il controllo della fertilità. La nostra esperienza

Zarcone R., Carfora E., Bellini P., Tartaglia E., Tomasillo G., Longo M.

2nd University of Naples, Department of Obstetrics and Gynecology


PDF  


Obiettivo. Scopo del presente studio è valutare l’efficacia dei metodi naturali nel controllo della fertilità. Inoltre gli Autori valutano la praticità e tutte le altre caratteristiche di ciascuno di questi metodi naturali.
Metodi. Tra il gennaio 1994 ed il settembre 1995 sono state studiate alla Clinica di Ginecologia ed Ostetricia della II Università di Napoli, 15 donne, di età 24-42. Gli Autori hanno studiato il metodo della sensazione di umidità a livello vulvare ed il «ferning test». La validità della determinazione del periodo fertile è stata testata mediante il dosaggio immunologico luminescente per determinare i livelli dell’estrone-3 glucorinide e del pregnandiolo 3-glucorinide nelle urine.
Infine sono stati valutati nella saliva i livelli della beta-glucoronidase.
Risultati. Determinazione quantitativa del muco cervicale: la quantità del fluido cervico-vaginale che si è raccolto nella parte superiore della vagina e nel fornice posteriore possono essere correlati al periodo preovulatorio ed ovulatorio del ciclo. Nel 38% dei casi, l’umidità è stata valutata i tre giorni precedenti l’ovulazione, nel 26% dei casi il giorno dell’ovulazione e nel 36% dei casi nei 4 giorni successivi all’ovulazione.
Determinazione dei livelli ormonali: i livelli di estrone e pregnandiolo, in differenti donne, possono essere correlati tra loro, ma vi è una importante differenza sia nei valori medi che nei picchi di questi ormoni nelle urine.
Livelli enzimatici salivari: si è osservata una maggiore variabilità nell’ampiezza dei picchi di beta-glucuronidasi, probabilmente correlata alla durata del periodo fertile.
Conclusioni. Attualmente gli Autori ritengono che dovrebbe essere migliorato il test colorimetrico basato sulla determinazione nelle urine dei livelli ormonali per stabilire il periodo fertile in maniera naturale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail