Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2014 Marzo;60(1) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2014 Marzo;60(1):55-70

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  IL FEGATO


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2014 Marzo;60(1):55-70

lingua: Inglese

Trattamento ottimale dell’encefalopatia epatica

Waghray A. 1, Waghray N. 2, Kanna S. 1, Mullen K. 2

1 Department of Medicine MetroHealth Medical Center Case Western Reserve University Cleveland, OH, USA;
2 Division of Gastroenterology MetroHealth Medical Center Case Western Reserve University Cleveland, OH, USA


PDF  


L’encefalopatia epatica è una complicanza neuropsichiatrica dell’epatopatia acuta o cronica, con sintomi che comprendono un continuum dal lieve stato confusionale al coma. Sia l’encefalopatia epatica occulta sia palese hanno un impatto significativo sulla qualità della vita e sui costi sanitari correlati. La fisiopatologia dell’encefalopatia epatica è multifattoriale e non esiste un consenso generale sul fatto che ammoniaca e infiammazione agiscano sinergicamente per provocare gonfiore degli astrociti ed edema cerebrale. Le strategie di gestione correnti includono l’identificazione dei fattori precipitanti e l’avvio di terapie farmacologiche volte a modulare la flora intestinale e a ridurre i livelli di ammoniaca e altre tossine derivate dall’intestino. Ad oggi lattulosio e rifaximina sono trattamenti approvati dalla Food and Drug Administration per la gestione dell’encefalopatia epatica. Questo articolo esaminerà la gestione ottimale dell’encefalopatia epatica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

awaghray@metrohealth.org