Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2013 Dicembre;59(4) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2013 Dicembre;59(4):329-40

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica

Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 1121-421X

Online ISSN 1827-1642

 

Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2013 Dicembre;59(4):329-40

 ARTICOLI ORIGINALI

Ruolo del PHGG come fibra alimentare

Quartarone G.

Medical Affairs Manager and Scientific Service Manager Novartis CH Italy, Origgio, Varese, Italy

Obiettivo. I benefici per la salute delle fibre alimentari sono riconosciuti da esperti a livello scientifico, clinico e nutrizionale. La fibra alimentare svolge un ruolo altamente significativo nell’equilibrio del microbiota intestinale, esercitando effetti prebiotici, come stimolare la crescita e/o la funzione di microorganismi benefici a livello intestinale. Variazioni nella composizione del microbiota intestinale sono considerate classicamente come uno dei molti fattori coinvolti nella patogenesi della malattia infiammatoria intestinale o della sindrome del colon irritabile. L’uso di particolari prodotti alimentari con effetto prebiotico è stato pertanto testato attraverso studi clinici con l’obiettivo di migliorare la risposta clinica e il benessere dei pazienti affetti da tali patologie. La Gomma Guar Parzialmente Idrolizzata (PHGG) è una fibra naturale (Benefibra™, Novartis CH Italia): si tratta di una polvere bianca, solubile in acqua, incolore e trasparente in soluzione acquosa e quasi insapore. PHGG è stabile e solubile a vari livelli di pH, normalmente presente negli alimenti e resistente a calore, acido, sale, ad alta pressione ed enzimi digestivi. La bassa viscosità di PHGG è vantaggiosa con nei prodotti per l’alimentazione enterale da somministrare attraverso sonde. È stata studiata negli adulti, sia nei volontari sani sia in pazienti con disturbi diversi come la stipsi, la sindrome dell’intestino irritabile (SII), la nutrizione enterale, la sovracrescita batterica nel piccolo intestino (SIBO) e, molto recentemente, in bambini affetti da dolore addominale funzionale, secondo la definizione di Roma III per i disturbi gastrointestinali funzionali (FGIDs). Questa review fa il punto sulla situazione relativa a ciò che è noto ad oggi sul PHGG come fibra alimentare, al fine di dare ai professionisti sanitari, come gastroenterologi, dietologi e medici di medicina generale, una panoramica completa delle sue caratteristiche intrinseche, sulle valutazioni precliniche e cliniche, sugli usi in differenti situazioni come terapia di supporto nel trattamento dei principali disturbi funzionali intestinali, sia negli adulti sia nei bambini.
Metodi. Sono stati presi in considerazione studi sugli animali ed in umano con PHGG, pubblicati a partire dai primi anni Novanta fino al 2013. Sono state incluse diverse tipologie di pubblicazione. PubMed, Medline, Ovid sono state le principali fonti adottate per la ricerca dei dati.
Risultati. Il PHGG è stato studiato negli animali e nell’uomo, è sicuro e diversi usi clinici sono ben consolidati. Per quanto riguarda la modulazione del metabolismo in umano, molto poco è stato fatto fino ad oggi e gli studi si sono concentrati, per la maggior parte, sui disturbi funzionali: PHGG si è dimostrato utile nel trattamento sintomatico di entrambe le forme di sindrome dell’intestino irritabile C e D, non solo negli adulti ma anche nei bambini; dati sulla stipsi sono molto scarsi dalla Letteratura si deduce che l’alta concentrazione di fibra permette di usare il PHGG efficacemente a dosi accettabili (fino a 22 g/die) in situazioni quali la stipsi cronica. L’impiego del PHGG in nutrizione clinica ha dimostrato la flessibilità del composto che, grazie alle sue peculiari caratteristiche, non gelifica e rimane liquido, pertanto il PHGG può essere usato con successo in pazienti in nutrizione enterale riducendo l’incidenza della diarrea. Nuovi orizzonti si intravedono per il trattamento della SIBO, che permetterebbero di ridurre o minimizzare l’uso di antibiotici.
Conclusioni. Non tutte le fibre sono uguali: questo è un dato di fatto. Promuovere la specifica conoscenza delle loro caratteristiche è molto importante se gli operatori sanitari vogliono dare ai loro pazienti le migliori opzioni per disturbi gastrointestinali funzionali o per esigenze nutrizionali. PHGG (Benefibra™) si è dimostrato sicuro ed efficace nel promuovere la salute intestinale.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina