Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2013 March;59(1) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2013 March;59(1):69-87

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  AGGIORNAMENTI IN GASTROENTEROLOGIA


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2013 March;59(1):69-87

lingua: Inglese

Gestione della steatosi epatica non alcolica

Sourianarayanane A. 1, Pagadala M. R. 2, Kirwan J. P. 3

1 Gastroenterology, Hepatology and Nutrition, University of Pittsburgh Medical Center, Pittsburgh, PA, USA;
2 Pathobiology at Lerner Research Institute and Gastroenterology and Hepatology, Cleveland Clinic, OH, USA;
3 Pathobiology at Lerner Research Institute and Gastroenterology and Hepatology, Cleveland Clinic, OH, USA


PDF  


La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) si è rivelata la malattia epatica cronica più diffusa negli Stati Uniti. La steatoepatite non alcolica (NASH), la forma più grave di NAFLD, ha un maggior rischio di progressione verso la cirrosi e le comorbilità associate, come le malattie cardiovascolari. La sindrome metabolica (SM), compresa la resistenza all’insulina e l’obesità, è fondamentale per lo sviluppo della NASH. Attualmente non esiste una cura definitiva per la NASH e la maggior parte delle opzioni di trattamento disponibili sono mirate a migliorare i vari parametri della SM. Il trattamento della NAFLD comprende la modificazione di dieta e stile di vita, interventi farmacologici e terapie chirurgiche, o una combinazione di questi interventi. Questo riesame si concentra sulle terapie disponibili attuali e potenziali per il trattamento della NASH.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

kirwanj@ccf.org