Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2012 December;58(4) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2012 December;58(4):401-26

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  LE MALATTIE DEL PANCREAS: UN AGGIORNAMENTO


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2012 December;58(4):401-26

lingua: Inglese

Tumori neuroendocrini del pancreas

Hörsch D. 1-2, Bert T. 1-2, Schrader J. 3, Hommann M. 1-4, Kaemmerer D. 1-4, Petrovitch A. 1-5, Zaknun J. 1-6, Baum R. P. 1-6

1 Center for Neuroendocrine Tumors Bad Berka ENETS Center of excellence, Bad Berka, Germany;
2 Department of Internal Medicine Gastroenterology and Endocrinology, Central Clinic, Bad Berka GmbH, Bad Berka, Germany;
3 First Department of Internal Medicine, Hamburg-Eppendorf Clinical University Hamburg, Germany;
4 General and Visceral Surgery, Central Clinic, Bad Berka GmbH, Bad Berka, Germany;
5 Department of Interventional Radiology, Central Clinic, Bad Berka GmbH, Bad Berka, Germany;
6 Clinic for Molecular Radiotherapy/Center of Molecular Imaging, Central Clinic, Bad Berka GmbH, Bad Berka, Germany


PDF  


I tumori neuroendocrini del pancreas hanno origine dal sistema neuroendocrino diffuso nella regione pancreatica. Nonostante la loro sporadicità, tali tumori mostrano un‘incidenza in aumento; inoltre, a causa del loro comportamento benigno, mostrano anche una notevole prevalenza. La patogenesi dei tumori neuroendocrini del pancreas è caratterizzata da pathway comuni di tumori sporadici ed ereditari. I tumori neuroendocrini del pancreas possono secernere ormoni peptidici o ammine biogeniche in modalità autonoma come tumori funzionali attivi. La classificazione e la stadiazione patologica secondo la classificazione TNM dei tumori maligni è stata stabilita negli anni recenti, classificando i tumori neuroendocrini del pancreas in tumori neuroendocrini bene e moderatamente differenziati e in tumori neuroendocrini poco differenziati. La cromogranina A e in misura minore il polipeptide pancreatico sono marcatori tumorali adatti per i tumori neuroendocrini del pancreas. L‘espressione dei recettori per la somatostatina è alla base del trattamento dei tumori neuroendocrini del pancreas con gli analoghi della somatostatina quali agenti antisecretori e antiproliferativi. Inoltre, la PET/TC o la scintigrafia dei recettori della somatostatina consentono una diagnosi approfondita dei tumori neuroendocrini del pancreas, la quale deve essere supportata dall‘ecografia (endoscopica e con mezzo di contrasto), dalla tomografia computerizzata (TC) e dall‘imaging a risonanza magnetica (IRM). Il trattamento dei tumori neuroendocrini del pancreas è composto di analoghi della somatostatina, chemioterapia, terapia mirata e terapia radionuclide del recettore del peptide (peptide receptor radionuclide therapy, PRRT). Di recente, sono state registrate due sostanze molecolari per i tumori neuroendocrini del pancreas: sunitinib (Sutent®) ed everolimus (Afintor®). Il carico tumorale localizzato in maniera predominante nel fegato può essere trattato mediante terapia ablativa locale o trapianto epatico. Tali opzioni terapeutiche sono state incluse nelle linee guida di numerose società professionali e sono state valutate per la terapia sequenziale di pazienti con tumori neuroendocrini del pancreas in base ai loro effetti ed effetti collaterali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

dieter.hoersch@zentralklinik.de