Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2012 Dicembre;58(4) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2012 Dicembre;58(4):401-26

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica

Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 1121-421X

Online ISSN 1827-1642

 

Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2012 Dicembre;58(4):401-26

LE MALATTIE DEL PANCREAS: UN AGGIORNAMENTO 

Tumori neuroendocrini del pancreas

Hörsch D. 1-2, Bert T. 1-2, Schrader J. 3, Hommann M. 1-4, Kaemmerer D. 1-4, Petrovitch A. 1-5, Zaknun J. 1-6, Baum R. P. 1-6

1 Center for Neuroendocrine Tumors Bad Berka ENETS Center of excellence, Bad Berka, Germany;
2 Department of Internal Medicine Gastroenterology and Endocrinology, Central Clinic, Bad Berka GmbH, Bad Berka, Germany;
3 First Department of Internal Medicine, Hamburg-Eppendorf Clinical University Hamburg, Germany;
4 General and Visceral Surgery, Central Clinic, Bad Berka GmbH, Bad Berka, Germany;
5 Department of Interventional Radiology, Central Clinic, Bad Berka GmbH, Bad Berka, Germany;
6 Clinic for Molecular Radiotherapy/Center of Molecular Imaging, Central Clinic, Bad Berka GmbH, Bad Berka, Germany

I tumori neuroendocrini del pancreas hanno origine dal sistema neuroendocrino diffuso nella regione pancreatica. Nonostante la loro sporadicità, tali tumori mostrano un‘incidenza in aumento; inoltre, a causa del loro comportamento benigno, mostrano anche una notevole prevalenza. La patogenesi dei tumori neuroendocrini del pancreas è caratterizzata da pathway comuni di tumori sporadici ed ereditari. I tumori neuroendocrini del pancreas possono secernere ormoni peptidici o ammine biogeniche in modalità autonoma come tumori funzionali attivi. La classificazione e la stadiazione patologica secondo la classificazione TNM dei tumori maligni è stata stabilita negli anni recenti, classificando i tumori neuroendocrini del pancreas in tumori neuroendocrini bene e moderatamente differenziati e in tumori neuroendocrini poco differenziati. La cromogranina A e in misura minore il polipeptide pancreatico sono marcatori tumorali adatti per i tumori neuroendocrini del pancreas. L‘espressione dei recettori per la somatostatina è alla base del trattamento dei tumori neuroendocrini del pancreas con gli analoghi della somatostatina quali agenti antisecretori e antiproliferativi. Inoltre, la PET/TC o la scintigrafia dei recettori della somatostatina consentono una diagnosi approfondita dei tumori neuroendocrini del pancreas, la quale deve essere supportata dall‘ecografia (endoscopica e con mezzo di contrasto), dalla tomografia computerizzata (TC) e dall‘imaging a risonanza magnetica (IRM). Il trattamento dei tumori neuroendocrini del pancreas è composto di analoghi della somatostatina, chemioterapia, terapia mirata e terapia radionuclide del recettore del peptide (peptide receptor radionuclide therapy, PRRT). Di recente, sono state registrate due sostanze molecolari per i tumori neuroendocrini del pancreas: sunitinib (Sutent®) ed everolimus (Afintor®). Il carico tumorale localizzato in maniera predominante nel fegato può essere trattato mediante terapia ablativa locale o trapianto epatico. Tali opzioni terapeutiche sono state incluse nelle linee guida di numerose società professionali e sono state valutate per la terapia sequenziale di pazienti con tumori neuroendocrini del pancreas in base ai loro effetti ed effetti collaterali.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina