Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2012 September;58(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2012 September;58(3):191-200

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  CHIRURGIA GASTROINTESTINALE MINI-INVASIVA


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2012 September;58(3):191-200

lingua: Inglese

Ruolo della chirurgia robotica nelle resezioni colorettali per cancro

Bertani E. 1, Chiappa A. 1, Ubiali P. 2, Fiore B. 1, Corbellini C. 1, Cossu M. L. 3, Minicozzi A. 1, Andreoni B. 1

1 European Institute of Oncology, Milan, Italy;
2 Humanitas Gavazzeni, Bergamo, Italy;
3 University of Sassari, Sassari, Italy


PDF  


Negli ultimi anni, la chirurgia robotica è divenuta una valida alternativa nel trattamento delle patologie colorettali rispetto alla tradizionale chirurgia a cielo aperto e alla chirurgia laparoscopica. I vantaggi tecnici più rilevanti della chirurgia robotica sono la visuale tridimensionale, la filtrazione del tremore, sette gradi di libertà di movimento e una posizione più elevata e confortevole per il chirurgo. Sia le serie di casi sia gli studi comparativi presenti nella letteratura riportano solo esiti a breve e medio termine. Per quanto concerne gli esiti perioperatori, tali studi sono in grado di dimostrare come la chirurgia robotica sia altrettanto sicura e fattibile della chirurgia laparoscopica. È necessario condurre studi con follow-up a lungo termine per stabilire la reale sicurezza ed efficacia della chirurgia robotica, soprattutto per quanto concerne le resezioni per cancro. La chirurgia robotica può essere considerata un settore chirurgico promettente. L’elevato costo rappresenta tuttavia uno degli svantaggi principali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

emilio.bertani@ieo.it