Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2012 June;58(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2012 June;58(2):101-22

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  NOVITÀ NELLE MALATTIE INFIAMMATORIE INTESTINALI


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2012 June;58(2):101-22

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Massimizzare l’effetto dei farmaci biologici nella malattia infiammatoria intestinale

Souto Rodriguez R. 1, Swoger J. M. 2, Barreiro-De Acosta M. 1, Regueiro M. 2

1 Division of Gastroenterology, Hospital Clínico Universitario de Santiago de Compostela, Santiago de Compostela, Spain;
2 Division of Gastroenterology, Hepatology, and Nutrition, University of Pittsburgh Medical Center Pittsburgh, PA, USA


PDF  


Il decorso cronico della malattia infiammatoria intestinale (IBD) comporta episodi ricorrenti di sintomi clinici attivi, oltre che complicanze a lungo termine, inclusa l’ospedalizzazione, gli interventi chirurgici e una ridotta qualità della vita. Le sostanze biologiche si sono dimostrate efficaci nell’induzione e nel mantenimento della remissione in pazienti affetti da IBD di grado da moderato a grave e sono in grado di alterare la naturale evoluzione della patologia. La mancata risposta alla terapia biologica è un problema diffuso nella pratica clinica, le cui ragioni sono probabilmente multifattoriali; sviluppo di anticorpi, alterazioni nella clearance del farmaco e probabilmente un cambiamento nel meccanismo infiammatorio non guidato da TNF. Numerosi studi hanno valutato gli interventi che potrebbero favorire un maggiore tasso di risposta e un aumento nella durabilità. Nella presente rassegna valutiamo dei metodi per massimizzare il trattamento con anti-TNF mediante la somministrazione di una terapia programmata, utilizzando una concomitante terapia immunomodulante, l’incremento del dosaggio e il cambiamento tra classi e sostanze biologiche. Infine, il ruolo degli anticorpi contro l’infliximab e i livelli sierici basali di infliximab sono discussi nel contesto dell’ottimizzazione della terapia biologica per la patologia intestinale infiammatoria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

Mdr7@pitt.edu